Lazio, le scelte di Sarri per il Napoli

Verso la sfida del Maradona: Romagnoli torna al centro della difesa, Lazzari si candida al posto di Hysaj
Lazio, le scelte di Sarri per il Napoli© BARTOLETTI
3 min
Carlo Roscito

ROMA - La probabile titolarità ora è certificata. Dentro Romagnoli, fuori Casale: non rigiocheranno insieme, ci si è messo di mezzo il giudice sportivo. L’ ex Milan, a maggior ragione, ha la maglia prenotata per Napoli. L’antipasto del ritorno è stata la convocazione contro la Sampdoria, una partita vissuta in panchina con soli due allenamenti nelle gambe, l’antivigilia di sabato e la rifinitura di domenica. Troppo presto per rischiare un impiego immediato dopo lo stop muscolare rimediato all’Olimpico con l’Atalanta: 39 minuti in campo, poi la fitta dietro alla coscia sinistra, la sostituzione e i successivi esami strumentali. Venne riscontrata una lesione di basso grado a carico del bicipite. Quattro partite fuori, le due di campionato contro Salernitana e Samp, più il doppio confronto con il Cluj in Conference League. Tutto sommato, risultati alla mano, la squadra di Sarri si è rialzata eccome: 6 punti in 2 giornate e la qualificazione europea agli ottavi di finale.

Seduta

Patric, salvo sorprese, affiancherà Romagnoli al centro. Insieme hanno formato la linea di riferimento a inizio stagione. Casale, squalificato per la sfida di venerdì sera, era ancora alle prese con il processo di ambientamento-addestramento e qualche problemino fisico di troppo. Gila è l'altra carta a disposizione di Sarri. Ha convinto in Romania, la sua velocità potrebbe fare comodo contro lo scatenato Osimhen. Resta comunque in netto vantaggio la coppia formata da Patric e Romagnoli. Ieri il classe 1995, non avendo affrontato la Sampdoria, era in campo per la ripresa degli allenamenti a Formello insieme a tutti gli altri calciatori non utilizzati o entrati nel corso della ripresa. Sgambata di scarico in palestra invece per i titolari del giorno prima.

Dubbio Hysaj

Le prove tattiche scatteranno oggi pomeriggio. Il tempo stringe, sedute contate per preparare il confronto con la capolista. La Lazio ci arriverà con quasi 51 ore di riposo in meno rispetto alla squadra di Spalletti. Le scelte di formazione dipenderanno anche dal recupero delle energie da parte della rosa. Sulle fasce si contendono il posto Lazzari e Hysaj: il primo è in pole, l’albanese - ieri assente - è in dubbio per un fastidio alla caviglia. A centrocampo dovrebbe essere confermato il terzetto con Milinkovic e Luis Alberto ai lati di Cataldi. Si spera in un miglioramento delle condizioni del Sergente, debilitato dal virus intestinale la scorsa settimana.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti