Lite Spalletti-tifosi, identificati due sostenitori della Fiorentina

Importanti risultati dalle indagini avviate dalla Digos dopo il brutto episodio del Franchi al termine della gara tra i viola e il Napoli: denuncia e Daspo in arrivo per chi ha lanciato una bottiglietta verso il tecnico azzurro
Lite Spalletti-tifosi, identificati due sostenitori della Fiorentina© Getty Images
2 min

Arrivano sviluppi importanti dalle indagini della Digos sul battibecco avvenuto al termine della partita Fiorentina-Napoli tra un tifoso viola e Luciano Spalletti.

Lite con Spalletti, identificati due tifosi della Fiorentina

Secondo quanto riportato dall’Ansa la polizia di Firenze ha infatti identificato i due tifosi della Fiorentina tra i quali proprio quello protagonista dello spiacevole episodio che ha coinvolto l’allenatore del Napoli. L’altro è stato invece l’autore del lancio di una bottiglietta verso l’allenatore.

Fiorentina-Napoli, Daspo in arrivo per tre tifosi

In base a quanto si è appreso, per il tifoso responsabile del lancio della bottiglietta, che dovrebbe essere un settantenne, dovrebbe scattare una denuncia per lancio di oggetti a cui seguirà un Daspo. Per il tifoso autore degli insulti a Spalletti dovrebbe invece scattare solamente il daspo. Il medesimo provvedimento dovrebbe essere inflitto anche a un tifoso del Napoli che, ai controlli all'ingresso del Franchi, è stato trovato in possesso di un coltellino e un fumogeno.

Fiorentina-Napoli, Osimhen difende Spalletti

Il battibecco tra Spalletti e i tifosi della Fiorentina ha macchiato la gara del Franchi, posticipo serale della terza giornata terminata 0-0: il tecnico del Napoli ha dichiarato di aver sopportato gli insulti, rivolti anche agli affetti familiari più stretti, per tutta la partita, per poi lasciarsi andare ad una reazione, sostenuto dall'intervento di Victor Osimhen che si è avvicinato ai tifosi della Fiorentina per difendere il proprio tecnico. L'episodio è stato poi condannato anche dai sindaci delle due città, Dario Nardella e Gaetano Manfredi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti