Roma, è caccia al difensore: contatti con il Monza per Pablo Marí

Gli agenti del giocatore hanno parlato con Tiago Pinto.  Kiwior è il piano B
Roma, è caccia al difensore: contatti con il Monza per Pablo Marí© Getty Images
4 min
Roberto Maida

Il tentativo per ora è andato a vuoto. Ma la Roma insiste per Pablo Marí, difensore spagnolo del Monza, definito con un complimento «un albero» da Mourinho dopo la sfida dell’Olimpico decisa a tempo scaduto da El Shaarawy. Galliani non vuole perdere uno dei suoi cardini a gennaio, se non davanti a una proposta irrinunciabile che da Trigoria non potrebbe mai arrivare. E lo stesso giocatore, che ha un contratto in scadenza nel 2025 e uno stipendio da 2 milioni netti, non freme per spostarsi a metà stagione. Tiago Pinto però ha avvicinato il suo entourage, perché l’operazione potrebbe concretizzarsi a luglio: Pablo Marí, classe ‘93, è cresciuto molto negli ultimi due anni dopo aver lasciato l’Arsenal e sarebbe un ottimo sostituto di Smalling, che non dà garanzie a causa dei problemi al ginocchio.

Roma, tutti i nomi per gennaio

A prescindere dall’esito della trattativa, comunque, l’esigenza di inserire un centrale durante la finestra di mercato invernale è condivisa tra i due portoghesi, Tiago Pinto e Mourinho: detto di Smalling, fermo da quasi tre mesi, Kumbulla avrà bisogno di un rodaggio quando rientrerà dall’infortunio al crociato mentre N’Dicka partirà per la Coppa d’Africa proprio a gennaio. Serve dunque un calciatore pronto ed esperto, possibilmente dai primi giorni del 2024, che conosca i meccanismi del calcio italiano: uno come Jakub Kiwior, compagno di Zalewski nella nazionale polacca e riserva fissa nell’Arsenal di Arteta. Kiwior, classe 2000, si è trasferito in Inghilterra nel gennaio 2022 dallo Spezia per 25 milioni. Tornerebbe volentieri in Serie A, soprattutto se dovesse allenarlo un tipo come Mourinho, anche in prestito. Resta da vedere se l’Arsenal sarà disposto a liberarlo temporaneamente. Principio che vale anche per Dier, centrale del Tottenham che ha già lavorato con profitto agli ordini di Mourinho: l’allenatore Postecoglou lo ha snobbato per settimane ma nelle ultime due partite di Premier League, a causa dell’emergenza, lo ha rilanciato come titolare.

Il piano di Tiago Pinto

Una decisione verrà presa a fine dicembre, mentre la squadra proverà a districarsi tra la salita che l’attende a Natale (Roma-Napoli il 23) e quella di Capodanno (Juventus-Roma il 30). Intanto i procuratori, che hanno capito l’antifona, stanno offrendo alla Roma molti difensori che possono spostarsi senza grandi problemi nel prossimo mercato: Tiago Pinto risponde a tutti che può accettare solo soluzioni in prestito senza obbligo di riscatto a giugno e che deve comunque cedere un calciatore della rosa per aggiungerne un altro.

Marcos Leonado sempre più lontano

Quanto a Marcos Leonardo, il ventenne attaccante brasiliano che in estate sembrava vicinissimo, la Roma si è ritirata dalla negoziazione. Ieri l’agente che aveva curato i rapporti con il Santos, Rafaela Pimenta, ha garantito che il ragazzo arriverà in Europa a gennaio. Ma è difficile che Tiago Pinto possa ormai ingaggiarlo. Non a caso Marcos Leonardo ha smesso di “seguire” la Roma su Instagram.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti