Galassia Dybala, numeri record e più gol per tutti

Sette reti, quattro assist e un rigore procurato: Paulo mai così leader e decisivo
Galassia Dybala, numeri record e più gol per tutti© LAPRESSE
4 min
Chiara Zucchelli

ROMA - Un anno fa, di questi tempi, Paulo Dybala, solo in campionato, con la Juventus metteva insieme due gol e due assist in cinque partite. Veniva da un problema muscolare, ne avrebbe avuto un altro subito dopo, ma stava bene. In forma. Giocava, in tre di queste cinque partite, con la fascia al braccio. Ma della Juventus non era né il leader effettivo, né il capitano. I compagni gli volevano bene, come hanno dimostrato il giorno del suo addio, la società molto meno. E per Paulo non era un periodo facile, nonostante le prestazioni positive. Sono trascorsi dodici mesi, non tutti belli, non tutti allegri, ma il Dybala che oggi si ritrova la Roma è un giocatore completamente trasformato. Mai così sicuro di sé, mai così guida, mai così leader, mai così in fiducia.

La Roma riparte verso Napoli: c'è anche Zaniolo
Guarda la gallery
La Roma riparte verso Napoli: c'è anche Zaniolo

Numeri top

A dimostrazione di come sia la stella polare del gioco della Roma ci sono i numeri: raccontano di un giocatore “piccolino”, per usare un termine caro a Mourinho, di statura, ma gigante in quello che sta dando a Trigoria. A se stesso e agli altri. Tornato a Roma dopo la vittoria del Mondiale in Qatar, Dybala nel 2023 ha realizzato 3 gol e 3 assist (rigore procurato compreso) e, soprattutto, si è caricato la squadra sulle spalle. I compagni lo hanno seguito, assecondato e hanno trovato la fiducia per tornare a credere nei propri mezzi dopo prestazioni non esaltanti. Le sue partecipazioni ai gol (7 reti, 4 assist e un rigore procurato) hanno portato in campionato 13 punti su 37, poco meno di un terzo. In Coppa Italia una sua rete ha regalato i quarti di finale contro la Cremonese, giusto in Europa League non ha dato un contributo determinante. Non per sua responsabilità, visto che ha segnato due gol in tre partite.

Roma, cessione Zaniolo: la frase di Massara che apre al passaggio al Milan

La top 11 degli over 30 più preziosi in Serie A: ecco la formazione
Guarda la gallery
La top 11 degli over 30 più preziosi in Serie A: ecco la formazione

Feeling giusto

Tre sono anche gli assist di cui ha beneficiato Abraham, una volta è toccato a El Shaarawy, il rigore conquistato contro il Bologna lo ha realizzato Pellegrini. Il capitano è, insieme a lui, il romanista che ha realizzato più passaggi chiave ed è anche l’unico giocatore che, con lui, per Mourinho è imprescindibile. Senza di loro, lo ha detto e ribadito, la luce si stacca e la qualità del gioco della Roma si abbassa. Anche perché, rispetto al passato, Dybala gioca molto più a tuttocampo: va a prendersi il pallone, rincorre gli avversari, a tratti sembra un centrocampista box to box invece che un rifinitore e poi conclude l’azione. Bene, benissimo: solo 2 gol su 10 sono arrivati con un calcio di rigore. I compagni di lui si fidano, lo cercano, gli passano il pallone quando scotta e, in questo senso, ricorda davvero, e molto, Francesco Totti. Uno che, per ricordare delle parole spese anni fa da Marco Cassetti: "Ti fa dormire più sereno, in ritiro, quando sai che una delle maglie sarà la sua".

L'impatto

Era una vita che nella Roma un nuovo arrivo non aveva un impatto così importante sulla squadra: negli ultimi 18 anni, Dybala è stato il giocatore più veloce a prendere parte ad almeno 10 gol in Serie A con la maglia giallorossa. Non solo: in questo momento è il calciatore che ha giocato meno incontri tra coloro che sono stati coinvolti in più di 10 reti nei cinque maggiori campionati europei. Numeri che dimostrano come, con un allenatore che stravede per lui e una piazza che lo ha amato fin dal primo giorno, Dybala sia in una fase di serenità e maturità, calcistica e non, mai avuta prima. La Roma se lo gode, con la speranza che questa luna di miele non finisca mai.

Dybala magia!
Guarda il video
Dybala magia!


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti