Argentina nelle mani di Orsato

L'arbitro italiano torna a dirigere dopo la gara inaugurale. Difesa e centrocampo: Scaloni cambia
Argentina nelle mani di Orsato© Getty Images
3 min
Michele Marchetti
TagsargentinaMondialiorsato

Daniele Orsato torna in campo, dopo aver diretto la partita inaugurale del Mondiale Qatar 2022: l'arbitro italiano è stato designato per Argentina-Messico, partita del secondo turno del gruppo C, in programma domani allo stadio Lusail. I guardalinee saranno Ciro Carbone e Alessandro Gialattini, al Var Massimiliano Irrati con Paolo Valeri Avar. 

Argentina, la delusione di Messi e compagni dopo la sconfitta con l'Arabia Saudita
Guarda la gallery
Argentina, la delusione di Messi e compagni dopo la sconfitta con l'Arabia Saudita

Una finale

Dopo il tonfo rumoroso nella partita d’esordio contro l’Arabia Saudita, il clima nello spogliatoio argentino alla vigilia di una sfida, che senza nessuna retorica rappresenta una finale, sembra essere più disteso. Gli incubi sembrano essere un po’ (almeno) più lontani. «Stiamo meglio - ammette Scaloni - c’è un clima diverso». Alle porte c’è una sfida che per gli argentini da sempre è speciale. La rivalità con il Messico è evidente. E se la squadra del pararigori Ochoa, dopo il pareggio con la Polonia di Lewandowski, arriva con la consapevolezza di essere in linea con le aspettative, il gruppo di Scaloni deve dare segnali di vita. Il ct dell’Albiceleste è convinto che la scossa possa arrivare sfruttando appieno tutte le risorse di cui dispone.

Flop Argentina, Lautaro non cerca scuse: "È solo colpa nostra"

Mondiali, disfatta Argentina all'esordio: la stampa non perdona
Guarda la gallery
Mondiali, disfatta Argentina all'esordio: la stampa non perdona

Le scelte

Nella partita d’esordio l’Argentina ha palesato dei limiti che hanno contributo, al netto dei meriti sauditi, alla clamorosa debacle. Detto che lo reazione dovrà inevitabilmente essere in primis mentale, restano anche delle scelte tecniche da effettuare per migliorare delle situazioni di campo apparse deficitarie. Uno dei reparti apparsi in maggiore difficoltà è stato quello difensivo. E proprio lì dovrebbero esserci un paio di novità. Sul banco degli imputati sono finiti Tagliafico e Romero che dunque potrebbero lasciare il posto a Lisandro Martinez - che ha trovato continuità nello United - e Acuna. Anche a centrocampo Scaloni medita su qualche cambio, anche se De Paul e Paredes rappresentano due capisaldi del suo ciclo e difficilmente non saranno schierati dal primo minuto. A questo punto a veder il suo ruolo da titolare messo a rischio è il Papu Gomez che in effetti non ha brillato e ha regalato pochi sprazzi della sua grande classe. Il suo posto potrebbe essere preso da Enzo Fernandez, entrato con convinzione contro l’Arabia Saudita, sebbene non sia lui l’unico candidato. Il tridente offensivo infine non dovrebbe conoscere scossoni. Messi e Di Maria a inventare per Lautaro Martinez. Dybala resta il vice Leo, non c’è molto da discutere. Almeno al momento. 

Il miracolo di Renard e gli errori dell'Argentina: come nasce il ko di Messi
Guarda il video
Il miracolo di Renard e gli errori dell'Argentina: come nasce il ko di Messi


Commenti