Juve, Rabiot furioso con l'arbitro: "Difficile giocare 11 contro 12"

Al termine della gara persa contro l'Inter il centrocampista francese ha criticato la direzione di Irrati, soffermandosi in particolare sul rigore non concesso per il contatto tra Bastoni e Zakaria
Juve, Rabiot furioso con l'arbitro: "Difficile giocare 11 contro 12"© LAPRESSE
2 min

La Juventus cede di misura all’Inter al termine di una partita combattutissima e segnata dal solito carico di polemiche che accompagna i derby d’Italia. I bianconeri si fermano dopo 16 risultati utili di fila in campionato, dicono definitivamente addio al sogno di lottare per lo scudetto, ma recriminano sulle decisioni di Irrati e del Var Mazzoleni. 

Juve-Inter, rabbia Rabiot verso Irrati

Così se Max Allegri ha sorvolato sull’argomento al termine del match, non altrettanto ha fatto Adrien Rabiot, che non ha usato giri di parole ai microfoni di ‘Dazn’, soffermandosi su un episodio in particolare: “L’arbitro ha deciso la partita. Il fallo su Zakaria era all’interno dell’area, era un episodio che poteva cambiare l’andamento della gara, ma dobbiamo guardare avanti”. Successivamente, con un post su Instagram, il francese ha rincarato la dose: "Ottima partita, bravi tutti! Peccato il risultato, ma è difficile giocare a 11 contro 12!".

Rabiot promuove la Juve: "Ci è mancato solo il gol"

Il centrocampista francese, che ha compiuto 27 anni proprio nella giornata di domenica e che è risultato tra i migliori in campo, ha poi analizzato la prova della Juventus, mettendola in parallelo con quella contro il Villarreal costata l'eliminazione dalla Champions League: "Stasera abbiamo fatto una grande partita, mettendo in pratica tutto quello che ci ha chiesto il mister. Ci è mancato solo il gol. Abbiamo fatto un solo errore nell'azione del rigore, come era accaduto contro il Villarreal, ma oggi abbiamo fatto una delle nostre migliori partite, così come ci era accaduto in Champions fino all’80'". Poi un retroscena sull'abbraccio con Allegri al momento della sostituzione: "Il mister mi ha abbracciato per consolarmi, ero deluso per il cambio: mi sentivo bene e volevo aiutare la squadra fino alla fine".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Juve, i migliori video

Commenti