Milan, i retroscena di Kalulu: "Quando arrivai mi chiesi cosa stessi facendo..."

Intervistato da 'Vista' il difensore francese, tra le rivelazioni della stagione dei rossoneri coronata dallo scudetto, ha ripercorso i suoi primi due anni a Milano
Milan, i retroscena di Kalulu: "Quando arrivai mi chiesi cosa stessi facendo..."© LAPRESSE
3 min
TagspioliKjaer

Tra le rivelazioni del Milan campione d’Italia 2022 Pierre Kalulu merita un posto di riguardo. Il difensore francese classe 2000, alla seconda stagione in rossonero, ha saputo costruirsi il proprio spazio dopo l’infortunio di Simon Kjaer, convincendo Stefano Pioli a preferirlo ad Alessio Romagnoli, centrale di ruolo, per fare coppia con Fikayo Tomori nella seconda e decisiva parte di campionato.

Milan campione, il gol decisivo di Kalulu all'Empoli

L’ex Lione non ha tremato, mostrando una maturità e un livello di prestazioni sorprendente per la sua età e per il ridottissimo bagaglio di esperienza accumulato fino a quel momento e infiocchettando il tutto con il gol-partita contro l’Empoli, che ha regalato un successo fondamentale nella corsa al titolo.

Milan, Leao e Tomori scatenati sul pullman
Guarda il video
Milan, Leao e Tomori scatenati sul pullman

Kalulu: "Quando arrivai al Milan avevo solo paura del Covid..."

Intervistato da Vista per la prima puntata della serie "City Stade", Kalulu ha raccontato diversi retroscena dei due anni vissuti a Milanello, in particolare sul proprio approccio ad una realtà completamente nuova per chi proveniva direttamente dalla seconda squdara dell’OL: "Era un periodo difficile per il Covid, sinceramente pensavo solo a quello più che alla carriera. Avevo paura della quarantena, al punto che anche mentre facevo la visita medica, mi chiedevo cosa ci stessi facendo lì in quel momento. Ma appena ebbi i documenti davanti e firmai, non ci pensai più perché ormai faceva parte del passato. E prima di firmare al Milan non avevo mai firmato un contratto da professionista...".

Serie A, la top 11 degli Under 23: Osimhen guida l'attacco
Guarda la gallery
Serie A, la top 11 degli Under 23: Osimhen guida l'attacco

"Non giocai per quattro mesi, poi..."

Il difensore ha poi ricordato il difficile periodo di ambientamento: "Ricordo che nei primi quattro mesi non ho giocato, la mia prima partita con il Milan è arrivata tardi, in trasferta contro lo Sparta Praga in Europa League, non ho giocato per 4 mesi, ma dovevo adattarmi perché in Italia si gioca un calcio molto differente rispetto alla Francia. L'ultima partita in Europa League l’ho giocata da centrocampista di sinistra: il mister mi chiese se avessi già giocato lì, risposto di sì, ma avrei detto la stessa cosa anche se non fosse stato vero. Avevo voglia di giocare". Poi arriva un retroscena su Zlatan Ibrahimovic: "Zlatan mi parlava spesso durante il mio ambientamento. Mi ha sempre incoraggiato molto e fatto tante domande sul mio background calcistico".

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Milan, i migliori video

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti