Sci
0

Sci Alpino, Coppa del Mondo: vince ancora Paris, è poker

L'azzurro scende in maniera quasi perfetta: 39 centesimi a Beat Feuz e 42 a Matthias Mayer

Sci Alpino, Coppa del Mondo: vince ancora Paris, è poker
© Getty Images

BORMIO (Sondrio) - È poker per Dominik Paris! Lo sciatore altoatesino vince di nuovo sullo Stelvio - dopo la doppietta discesa-SuperG dello scorso anno - e conquista il suo quarto successo in discesa a Bormio, il terzo consecutivo. Il carabiniere di Merano, nella gara che ha aperto la tre giorni valtellinese e che andava a recuperare la discesa annullata una settimana fa in Val Gardena, ha conquistato la diciassettesima vittoria e il trentacinquesimo podio in carriera mentre nel palmares ha anche il titolo mondiale di superG conquistato un anno fa oltre alla coppa del mondo in questa specialità. Prestazione praticamente perfetta per l'azzurro in Coppa del Mondo, che distanza di 39 centesimi Beat Feuz e 42 Matthias Mayer con il suo tempo di 1'49"56. Miglior italiano dopo Paris è stato Mattia Casse in 1.51.75 al momento sedicesimo tempo dopo esser stato terzo nella prova cronometrata. Per l'Italia ci sono poi più indietro Emanuele Buzzi in 1.52.56 e Peter Fill in 1.52.66. Matteo Marsaglia decisamente più arretrato in classifica in 1.53.02.

Sci Alpino, Coppa del Mondo: vince ancora Paris, è poker

Queste le sue prime dichiarazioni dopo la gara:  "Ho rischiato abbastanza oggi. Alla Carcentina ho perso un po' di velocità, però mi sono salvato abbastanza bene. Mi piace quando la neve è dura, mi diverto. Non va sempre bene, ma io ci provo sempre a tutta. Sicuramente c'era più fiducia su questa pista che su altre. Era difficile oggi - le parole del campione di Ultimo -, per la visibilità, le condizioni e gli avversari che scendono sempre piu forte. É una posta dove anche il distacco è molto ristretto. Ho dato più che il mio massimo, sono andato al limite in un paio di punti ed è andata benissimo. Ho rischiato parecchio per non farmi superare dagli avversari, ho perduto un po' di tempo quando ho sbattuto ad un certo punto contro un palo, ma sono riuscito a salvarmi. Quando si ottengono questi risultati, è più bello ancora cercare il limite. Ogni gara è una nuova sfida, io metto tutto in pista per fare il meglio possibile, non si sa mai come va a finire e questo è il bello dello sport. Mi sento un po' il padrone di questa pista, su questo tracciato è come se fossi veramente a casa mia".

Sci, Brignone vince il gigante di Courchevel

Tutte le notizie di Sci

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina