Biscardi, l'epitaffio sulla lapide: «Pregate non più di 2 o 3 alla volta...»

È la frase che campeggia sulla pietra tombale nel cimitero di Larino dove il giornalista è sepolto dopo il decesso avvenuto l'8 ottobre scorso, a circa 87 anni
Biscardi, l'epitaffio sulla lapide: «Pregate non più di 2 o 3 alla volta...»© ANSA

LARINO (CAMPOBASSO) - "Pregate non più di due o tre alla volta sennò si fa confusione". È la frase che campeggia sulla lapide di Aldo Biscardi, il noto giornalista televisivo, nel cimitero di Larino dove è sepolto dopo il decesso avvenuto l'8 ottobre scorso, a circa 87 anni. Biscardi, conduttore della nota trasmissione sportiva "Il processo del lunedì", era molto legato al suo paese di origine e, per tale motivo, è stato tumulato nel luogo sacro frentano, dove si trova la cappella di famiglia. Sulla lapide, posizionata da qualche mese e realizzata in marmo di Carrara con incisione in corsivo, c'e un epitaffio a dir poco singolare voluto dai suoi familiari, che riprende una sua famosa frase pronunciata in ogni puntata della trasmissione sportiva: "non parlate più di due o tre persone alla volta sennò si fa confusione".

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti