Clamoroso in Cina: scoperto l'uomo drago

Alcuni scienziati hanno trovato dei resti di 146.000 anni fa, che hanno catalogato come nuova stirpe umana
Clamoroso in Cina: scoperto l'uomo drago
TagsUomo dragoCina

Dalla Cina arriva una scoperta clamorosa: l'uomo drago. Alcuni scienziati hanno studiato dei fossili umani, perfettamente conservati, che i ricercatori hanno catalogato come nuova stirpe umana. Secondo gli studiosi cinesi, questi resti porterebbero al nostro parente più prossimo. Il fossile studiato, che è stato catalogato come "uomo drago" è il più grande teschio umano conosciuto e ha 146.000 anni. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista The Innovation e ipotizza che il cranio ospitasse un cervello di dimensioni simili a quelle degli umani moderni, ma aveva anche caratteristiche primitive come orbite più squadrate, bocca larga e denti grandi. "Il cranio - spiega Quiang Ji, professore di paleontologia presso la Hebei GEO University - combina caratteristiche primitive e derivate che lo distinguono da tutte le altre specie di Homo".

L'uomo drago: il nostro parente più prossimo

Una scoperta destinata a lasciare il segno e che ipotizza la presenza di sette diverse stirpe umane. "Sarebbero i sapiens, i Neanderthal, l'Homo daliensis, l'Homo erectus, l'uomo dei fiori, quello di Luzon e l'uomo drago" spiega Chris Stringer, ricercatore al Natural History Museum di Londra e coautore di due studi sull'uomo drago. Secondo gli scienziati cinesi, questa nuova specie potrebbe essere il nostro parente ominide più prossimo, ancor più dell'uomo di Neanderthal.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti