Morto l'agente di scorta del team di Alex Zanardi

Ricoverato in gravi condizioni, Massimo Boscolo non ce l'ha fatta. Da chiarire la dinamica dell’incidente
Morto l'agente di scorta del team di Alex Zanardi© Bartoletti
TagsZanardihandbikeIncidente

PADOVA - È morto a 34 anni Massimo Boscolo, agente della polizia locale di Padova travolto in moto mentre scortava una squadra di handbike del team Obiettivo 3, il progetto creato da Alex Zanardi per coinvolgere nello sport atleti disabili. L’incidente è avvenuto nella mattinata di sabato in via Romana Aponense, tra i quartieri Armistizio e Mandria: dopo lo scontro con un’Opel Meriva, le condizioni di Boscolo sono apparse da subito critiche. Alla guida dell’auto un uomo di 67 anni ora indagato per omicidio stradale, ma per capire la dinamica dell'impatto bisognerà aspettare la fine delle indagini.

Il cordoglio del sindaco

La morte di Massimo Boscolo è una notizia tragica che mi addolora in maniera profonda” - ha detto il primo cittadino Giordani - era un ragazzo di rara professionalità che aveva deciso di impegnarsi per gli altri e per tutti i cittadini oggi non c’è più e questo è un lutto grave per tutta la nostra comunità. In queste ore ho sperato con tutto il cuore che potesse esserci un esito diverso ma così non è stato, ora, anche a nome dell’Amministrazione e della città, voglio far sentire alla famiglia, ai suoi cari, ai colleghi e a tutto il corpo di polizia locale il calore di una vicinanza autentica. Oggi è un giorno di cordoglio, ma troveremo di certo il modo di ricordare Massimo e il suo sacrificio". Boscolo è il primo motociclista dei vigili morto in servizio nella storia del corpo di Padova. L’incidente è avvenuto soltanto pochi giorni dopo un altro tragico scontro in cui ha perso la vita Andrea Conti, atleta veronese di handbike tre volte campione italiano, investito da un’auto durante un allenamento su strada.

 

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti