"Marilyn Manson aveva in casa una stanza degli stupri"

Le dichiarazioni di Phoebe Bridgers in seguito alla denuncia per violenza sessuale nei confronti del cantante da parte della ex compagna Evan Rachel Wood
"Marilyn Manson aveva in casa una stanza degli stupri"© EPA

Scioccanti rivelazioni della cantante Phoebe Bridgers ricordando una visita a casa di Marilyn Manson: "Ci sono andata con degli amici quando ero adolescente. Ero una sua grande fan. Parlava di una stanza chiamandola "degli stupri", ho pensato che fosse solo il suo orribile senso dell'umorismo da confraternita studentesca. Ho smesso di essere una fan. Sto con tutte coloro che si sono fatte avanti". Manson, infatti, è stato accusato di violenza sessuale dalla ex compagna, l'attrice Evan Rachel Wood. Pochi giorni fa era arrivata anche la decisione dell'etichetta musicale, Loma Vista, di prendere le distanze dal cantante: "L'etichetta sapeva - continua la Bridgers - la direzione sapeva, la band sapeva. Prendere le distanze ora, fingendo di essere scioccati e inorriditi è patetico". 

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti