La Procura Federale chiede retrocessione all'ultimo posto del Palermo

Nel processo che si sta svolgendo dinanzi al Tribunale Federale Nazionale a Roma duro attacco al club siciliano da parte del Procuratore Pecorare e dell'aggiunto Chiné: le inadempienze amministrative degli ultimi tre anni perpetrate dal club siciliano durante la gestione Zamparini devono essere sanzionate con l'ultimo posto in classifica.
Il Palermo Non sappiamo ancora dove giocherà il prossimo anno, ma troppe malefatte hanno determinato la crisi di una squadra gloriosa. Ha sbagliato Zamparini, su questo non c’è dubbio, ma ha sbagliato anche la federcalcio che doveva sorvegliare su un club da tempo alla deriva. Così, tanto per cambiare, pagano i tifosi di una città fantastica, piena di un amore straordinario per il calcio. Che tristezza.© Getty Images
di Tullio Calzone

Pena massima per il Palermo che si accinge a giocare la gara con il Cittadella decisiva per la promozione in Serie A e che si è presentato stamani a processo dinanzi al Tribunale Federale Nazionale della Figc dopo il deferimento dello scorso 29 aprile per inadempienze amministrative e contabili degli ultimi tre anni della gestione Zamparini. Nell'udienza che si sta svolgendo a Roma duro attacco al club siciliano da parte del Procuratore Pecorare e dell'aggiunto Chiné: le irregolarità perpetrate dal club siciliano devono essere sanzionate con l'ultimo posto in classifica.

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti