Addio a Paolo Rossi: l'omaggio al campione minuto per minuto

Le celebrazioni di tutto il mondo dello sport per l'eroe azzurro dei Mondiali '82 in Spagna
Addio a Paolo Rossi: l'omaggio al campione minuto per minuto© COLLECTION JUVENTUS
TagsPaolo Rossi

ROMA - Il mondo dello sport dà il suo addio a Paolo Rossi, scomparso la notte scorsa, l'ennesima notizia devastante di questo 2020. Pablito è morto a 64 anni, stroncato da un male incurabile. Se ne va così il mitico attaccante di Juventus, Vicenza e Milan, bomber della Nazionale che nel 1982 conquistò, con Bearzot in panchina, i Mondiali in Spagna. A darne la notizia è stata la moglie Federica Cappelletti. "Non ci sarà mai nessuno come te, unico, speciale, dopo te il niente assoluto...". A partire da quel momento è stato un continuo susseguirsi di messaggi per ricordarlo.

Addio a Paolo Rossi. L'ultimo saluto di sportivi, vip e politici
Guarda la gallery
Addio a Paolo Rossi. L'ultimo saluto di sportivi, vip e politici

Addio a Paolo Rossi

21.50 - Pelé: "Purtroppo negli ultimi giorni in cielo stanno salendo molte stelle. Una volta mi hanno detto che costringesti tuo padre a portarti a Firenze per vedermi giocare un'amichevole contro la Fiorentina. Avevi solo 10 anni. Che onore!". Così, su Instagram, l'ex campione brasiliano ricorda Paolo Rossi. "Grazie per l'amicizia e la generosità, Paolo. Possa Dio accoglierti a braccia aperte, amico mio", scrive 'O Rei' postando una foto che lo ritrae insieme all'eroe azzurro del Mundial 1982.

21.00 - Frederic Massara direttore sportivo del Milan ed ex attaccante, ricorda Rossi: "Un grande giocatore - dice a Sky - una persona che ha lasciato in questa società un ricordo splendido, ma che, poi, per tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di vivere il mondiale dell'82, è stato quasi un eroe nazionale. Un'altra grande perdita per il calcio mondiale. La famiglia rossonera si stringe ai suoi cari nel dolore".

18.37 - Alessandro, figlio maggiore di Paolo Rossi, è stato intervistato da Rai Sport davanti all'ospedale di Siena: "È stato un grande papà, gli ho promesso che ci sarò sempre, soprattutto per le mie sorelline. Come campione ci ha fatto sognare tutti. Abbiamo sperato fino all'ultimo che le cose andassero meglio, ma il male ha vinto. Papà ha combattuto veramente tanto, non ha mai mollato un secondo in questi 4-5 mesi da quando si è ammalato. Negli ultimi dieci giorni c'è stato un calo e abbiamo dovuto ricoverarlo. Quando pensavamo che ci fosse un minimo di speranza la malattia è degenerata e per quanto ha provato a combatterla, la malattia ha vinto. Se n'è andato in serenità, eravamo tutti assieme a lui, se n'è andato con l'amore dei suoi cari vicini". Alessandro rivela poi che in questo periodo difficile "gli ha dato una grande carica continuare a seguire il calcio, era la sua vita, gli ha dato una spinta in più".

18.05 - Marco Tardelli ha ricordato su Twitter il suo ex compagno in Nazionale e nella Juve citando i versi di De Gregori: "Sempre e per sempre dalla stessa parte mi troverai".

18.00 - "Sabato tutto il gruppo degli azzurri '82 sarà a Vicenza a salutare per l'ultima volta Paolo Rossi". Questo l'annuncio di "Spillo" Altobelli ai microfoni di Raisport: "Abbiamo una chat, da un pò che Paolo non interveniva, ho provato a mettere delle foto per stimolarlo ma niente, avremmo voluto stargli vicino in questi ultimi mesi" ha detto Altobelli. 

16.27 - Franco Baresi, storico capitano del Milan e attuale vicepresidente dei rossoneri, ha ricordato Paolo Rossi su Twitter: "Grande tristezza! Hai realizzato il sogno di tutti gli italiani e sarai sempre nei nostri cuori, le leggende non muoiono mai. Ciao Paolo RIP". 

16.23 - Paolo Rossi è scomparso la scorsa notte all'Ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena. L'Azienda ospedaliero-universitaria senese ha espresso il proprio cordoglio e la vicinanza alla famiglia del campione. La direzione, infatti, si è recata all'obitorio per porgere le proprie condoglianze alla moglie di Rossi, Francesca Cappelletti, che ha diramato un messaggio: "Paolo si è spento all'Ospedale di Siena in un ambiente che lo ha curato con grande professionalità e umanità: le cure e le attenzioni nei suoi confronti sono state totali, non solo dal punto di vista medico ma anche sotto il profilo affettivo, in un ambiente bello e sereno che ci ha permesso di vivere con intimità i momenti più duri della malattia così come gli ultimi attimi prima del saluto. Per questo il ringraziamento va a tutte le figure professionali che lo hanno assistito in questo periodo, nessuno escluso. Un abbraccio collettivo che rivolgo a tutti loro e che si unisce a quello delle tante persone che hanno manifestato il loro affetto nei confronti di Paolo".

16.15 - Il ricordo schock di Paola Ferrari

16.10 - Christian Vieri, ex attaccante della Nazionale, di Juventus, Inter e Lazio ha ricordato Paolo Rossi su Instagram: "Riposa in pace grande Pablito, sei stato il nostro eroe".

16.00 -  Arriva anche il ricordo del Perugia, altra squadra in cui ha militato Paolo Rossi nel corso della sua carriera: "Il Perugia si unisce al cordoglio di tutto il mondo del calcio per la scomparsa di Paolo Rossi, campione del mondo a Spagna '82 e giocatore del Perugia nella stagione 1979-1980. A tutta la sua famiglia le più sentite condoglianze". Il club umbro ha ricordato anche le parole dell'ex attaccante quando andò a far visita al museo del club: "Per me Perugia è stata una tappa della carriera, ci sono rimasto solo un anno quando ne avevo 23. Però è stata importante. Fu una discreta annata che ricordo sempre con piacere", il ricordo di Rossi. Per lui in biancorosso 13 gol in 28 gare di campionato Serie A (finì al terzo posto nella classifica marcatori) e 1 rete in 4 partite di Coppa Uefa. "Proprio il suo passaggio dall'allora squadra della Lanerossi Vicenza al Grifo segnò una sorta di spartiacque nel panorama calcistico nazionale: infatti, per finanziare l'oneroso arrivo in Umbria dell'attaccante si mise in piedi la prima sponsorizzazione di maglia" scrive il club umbro che ricorda la sua carriera e conclude: "Ciao Paolo!"

15.50 - L'arrivo di Giovanni Galli all'ospedale. 

15.48 - La moglie di Rossi all'uscita della camera ardente. 

15.36 - "Tu per sempre con me, fratelli si diventa. Riposa in pace". In un post su Instagram che li ritrae insieme, abbracciati, con la maglia azzurra, Antonio Cabrini ha ricordato il compagno di squadra e della nazionale Paolo Rossi.

Addio Pablito, eroe Mundial
Guarda il video
Addio Pablito, eroe Mundial

15.34 - Arriva il ricordo di un altro campione del mondo del 2006, Alberto Gilardino, nato proprio il giorno di Italia-Brasile del 1982: "È come se ripercorressi quella giornata, mi si è stretto lo stomaco aver letto questa notizia. Eh sì, Pablito, io il 5 luglio del 1982 sono nato, ma da quel giorno ho sentito parlare di te, da mio padre. Più crescevo e più lui mi raccontava e mi faceva vedere quelle immagini, credo di essere nato sotto la tua stella, credo molto nel destino. Tu #Pablito quel giorno hai fatto gioire milioni di italiani, ora riposa in pace Campione, rimarrai per sempre nei nostri cuori".

15.30 - "Paolo Rossi fece esultare mia nonna Peppina a Spagna '82, mai assistito ad una partita di pallone. Perugia 1979 arrivò con Franco D'Attoma, aprì l'epoca delle sponsorizzazioni, Pasta Ponte. A Madrid con Sandro Pertini. I goal, l'azzurro...il dolore per la morte. Ciao, Pablito". Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha ricordato così su Twitter Paolo Rossi. 

15.25 - Rummenigge, ex attaccante dell'Inter e leggenda del Bayern Monaco, ha commentato la scomparsa di Paolo Rossi: "Sono scioccato, Paolo era un mio amico e un grande attaccante. È stato un uomo di grande classe, di grande stile. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Paolo. Abbiamo giocato contro tante volte, io nell'Inter e lui nella Juve in Serie A. Ma la partita più importante è stata la finale di Madrid, vinta dall'Italia per 3-1 contro la Germania. Rossi segnò un gol e si laureò capocannoniere del torneo", ha aggiunto in un comunicato sul sito del Bayern. "Paolo era molto divertente e allegro, una persona estremamente simpatica con cui ci si poteva sempre divertire. Ed era un grande giocatore. Il Bayern e io personalmente non lo dimenticheremo". 

15.20 - "In quell'indimenticabile estate del Mondiale '82 Paolo Rossi è diventato il simbolo dell'Italia. Per gli italiani all'estero un motivo di orgoglio al di là del calcio. Ci lascia un grande uomo e un grande calciatore. Ora in Paradiso c'è una squadra davvero invincibile. R.I.P". Ecco il ricordo di Paolo Rossi su Twitter di Mino Raiola

15.15 - "Ciao Pablito, simbolo di gioia, di rivincita, di generosità, di simpatia, di successo e, a titolo personale, simbolo dell'orgoglio per tutti gli italiani. Grazie per le lacrime di gioia che ci hai regalato e che oggi si trasformano in lacrime di immensa tristezza. Era un attaccante purosangue, che ha saputo entusiasmare tutti noi con le sue giocate e soprattutto con i suoi gol. Il suo amore per il calcio era immenso e lo trasmetteva a tutti noi, e quando ne parlava aveva sempre quella calma e quel sorriso inconfondibile stampato sulle labbra. Ma Paolo Rossi era soprattutto un grande uomo, umile e gentile, che stimavo molto e che ho avuto il piacere di incontrare un paio di volte personalmente. Quegli incontri rimarranno nel mio cuore e porterò per sempre con me un bel ricordo di Paolo". Questo il ricordo del numero 1 della Fifa, Gianni Infantino

15.06 - La Fiorentina femminile e lo Slavia Praga prima della gara d'andata dei sedicesimi di Champions League in programma allo stadio Franchi hanno osservato un minuto di silenzio in memoria di Paolo Rossi. Le due squadre si sono riunite in mezzo al campo, tra spalti vuoti, mentre sul maxi schermo compariva l'immagine del grande attaccante. In tribuna autorità fra i pochi presenti anche un commosso Giancarlo Antognoni, amico e compagno di Pablito in azzurro e in particolare ai Mondiali '82. 

15.02 - "A.C. Coiano Santa Lucia A.S.D. piange la perdita del suo Presidente onorario Paolo Rossi. Ora più che mai la sua figura diventa però qualcosa che non appartiene a nessuno perché misteriosamente trasformata in emozioni, affetti, pensieri, ricordi che ci accomunano e che ci rendono in qualche modo una cosa sola. Paolo è stato amato in vita perché ci ha fatto assaporare emozioni indimenticabili. Ora più che mai lo ricordiamo e lo amiamo, consapevoli che quando come lui si entra prepotentemente nei cuori di tante persone lì si rimane. Ciao Paolo! Per sempre nei nostri cuori". Questo il ricordo della società sportiva Ac Coiano Santa Lucia Asd, la squadra in cui Paolo Rossi ha mosso i suoi primi passi da calciatore e della quale era presidente onorario.

15.00 - "Riposa in Pace Idolo. Sei stato un esempio non solo per me ma per tutto il calcio sia Italiano che internazionale. Oggi una persona eccezionale se ne va in cielo ad insegnare agli angeli come fare gol. Condoglianze a tutta la famiglia Rossi". Questo il ricordo di Luca Toni su Instagram. 

14.00 - "Il Brasile ha già pianto per colpa sua. Ora piange per lui. Paolo Rossi ci ha tolto una coppa del Mondo, ma ci ha conquistato con la sua voglia di vivere e giocare a calcio". Così Paulo Roberto Falcao su Instagram.

13.58 - "Era sempre presente, nell'ultimo periodo non con grande continuità ma c'era. Ci mancherà tantissimo". Lo ha detto Beppe Bergomi, campione del mondo nel 1982, ricordando il compagno in nazionale Paolo Rossi. "Ha regalato gioie e sorrisi, quel Mondiale ancora oggi a distanza di tanto tempo è vivo nella memoria degli italiani - ha aggiunto in collegamento con Sky Sport - Ha portato la gioia nelle case degli italiani e del mondo intero. Verrà ricordato in tutto il mondo, perché tutti si ricordano di Paolo Rossi". Ricordando gli eroi del Mondiale, l'ex difensore dell'Inter ha sottolineato che "quel gruppo era veramente una famiglia e lo si vede ancora oggi, siamo sempre a contatto - ha aggiunto - Paolo ne faceva parte, insieme al nostro condottiero che era Bearzot".

13.55 - "Mi rimane il ricordo della tua simpatia e allegria... Riposa in pace, Paolo". Carlo Ancelotti ricorda così in un tweet Paolo Rossi, scomparso nella notte all'età di 64 anni.

13.48 - "Nel momento in cui stava morendo e non se ne voleva andare, io l'ho abbracciato forte e gli ho detto Paolo, adesso vai, hai sofferto troppo. Staccati, lascia questo corpo e vai. Io crescerò le bambine e porterò avanti i nostri progetti. Tu hai fatto anche troppo e quindi si è addormentato in quel momento". Lo ha ricordato Federica Cappelletti moglie di Paolo Rossi parlando con i giornalisti davanti all'obitorio dell'ospedale Le Scotte di Siena. "Non è facile riassumere in poche parole tutto quello che è stato Paolo - ha aggiunto la moglie di Paolo Rossi - Una persona unica, piena di ottimismo anche nei momenti più difficili, una persona grande ma allo stesso tempo semplice. Una persona che mi ha insegnato tanti valori belli e li ha insegnati alle nostre figlie. Io dico che dopo Paolo Rossi si sopravvive. Quindi cercherò di fare questo". "Lui era una persona che sapeva parlare allo stesso modo con i capi di Stato ma anche con le persone che incontravamo al supermercato. Questo era Paolo e questa la sua grandezza - ha anche detto - Preferisco pensare che sia un arrivederci. Fare a meno di lui è veramente tanto. Ma dovrò farlo, gliel'ho promesso. 'Riporteremo Paolo in Toscana. Faremo la cerimonia e una camera ardente a Vicenza che era la sua città adottiva. Poi lo farò cremare in accordo con il figlio perché me lo voglio tenere sempre vicino".

13.44 - Anche Pippo Inzaghi ha scritto un messaggio su Instagram: "Per chi come me voleva fare il centravanti sei stato fonte d’ispirazione. Eri il mio idolo da bambino. Ciao Paolo, rimarrai sempre nei nostri cuori. Riposa in pace".

13.21 - "Gli ho appena dato la benedizione, è un'assenza, lascia un vuoto affettivo e non solo nel mondo del calcio". Così don Giovanni Tondo, sacerdote della diocesi di Siena all'uscita dalla camera ardente dopo aver dato l'ultima benedizione alla salma di Paolo Rossi. "È stata una persona che ha voluto bene e che si è fatta voler bene, questo affetto rimane anche per effetto della comunione - ha aggiunto il religioso -. Sono un tifoso e parroco nella diocesi di Siena ero qui e ho fatto volentieri la benedizione" a Paolo Rossi.

13.16 - "Ciao Paolino, ti volevo bene". Così, in un tweet, l'ex campione di tennis, Adriano Panatta, ricordando Paolo Rossi.

13.10 - Così il pilota italiano di Formula 1, Antonio Giovinazzi, ricorda su Instagram Paolo Rossi: "Un sorriso gentile, le braccia al cielo e l'orgoglio di essere italiani. Il segreto per essere eroi e' tutto qui. Grazie di tutto Pablito".

12.58 - Sono presenti fin dalle prime ore della giornata, alla camera ardente di Paolo Rossi, allestita all'interno dell'ospedale 'Le Scotte' di Siena, la moglie dell'ex campione del Mundial di 'Spagna '82', Federica Cappelletti, uno dei suoi figli, Alessandro, ed altri familiari del classe '56 nativo di Prato.

12.42 - "Paolo è stato un grande giocatore, un grande realizzatore, tutti ricordano il suo Mondiale del 1982. Abbiamo giocato tre stagioni insieme alla Juventus, dal 1982 al 1985, e abbiamo vinto tutto". Così Michel Platini ricorda a 'L'Equipe' il suo compagno di squadra nella Juventus Paolo Rossi, morto nella notte a 64 anni per un male incurabile. "È l'unico grande nome del calcio che è stato così distaccato dal nostro ambiente. Senza dubbio perché la sua squalifica (per il calcioscommesse, ndr) lo aveva ferito molto, e soffriva di grandi dolori fisici, perché non aveva più il menisco. Quante ore ha passato sul lettino da massaggio, con il ghiaccio sulle ginocchia...". "Il 1982 fu il culmine della sua carriera, dopo ha giocato ma senza essere mai teso, è stato fantastico - ha aggiunto Le Roi, ex presidente dell'Uefa - Era un giocatore vivace che andava veloce e che capiva il gioco. Lo avevo visto due anni fa, abbiamo pranzato insieme, stava girando un film sulla sua vita. Era davvero un bravo ragazzo, Paolo".

12.41 - Trapattoni: "I giocatori non dovrebbero andarsene prima degli allenatori"

12.31 - "Se ne va un pezzo della mia vita. Sei stato per me un amico fraterno. La tua semplicita' ti rendeva unico e il tuo sorriso era contagioso! Mi mancherai Pablito". Lo scrive sui suoi social l'ex attaccante Franco Selvaggi, campione del mondo a Spagna 1982.

12.30 - "Sono dolorosamente colpito dalla prematura scomparsa di Paolo Rossi, indimenticabile protagonista dell'Italia campione del mondo di calcio nel 1982 e sempre seguito con affetto da tutti coloro che amano lo sport. Ricordando il suo garbo e la sua umanità esprimo ai suoi familiari cordoglio e vicinanza". Lo afferma in una nota il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

11.55 - Con queste parole, scritte in inglese, la FIFA rende omaggio su Twitter a Paolo Rossi: "Il mondo del calcio è in lutto per la morte di un'icona azzurra, eroe del Mondiale 1982. La Fifa è vicina ai familiari di Paolo Rossi. Il mondo del calcio perde un'altra vera leggenda, un simbolo, un altro grandissimo calciatore. Riposa in pace Paolo Rossi. Ciao Pablito". 

11.50 - Sui social i messaggi di addio

11.48 - La UEFA ha annunciato che in tutte le partite di Europa League e delle altre competizioni in programma oggi "verrà osservato un minuto di silenzio in onore dell'eroe dell'Italia campione del mondo, Paolo Rossi. Capocannoniere ai Mondiali del 1982, Rossi ha segnato 20 gol in 48 partite con la Nazionale azzurra".

11.34 - La camera ardente di Paolo Rossi, scomparso nelle scorse ore dopo una lunga malattia, è stata allestita all'interno dell'obitorio dell'ospedale 'Le Scotte' di Siena. Il nosocomio senese fa sapere attraverso il proprio ufficio stampa che non sono previste al momento comunicazioni ufficiali ma solo rispetto e silenzio per la privacy della famiglia del campione del mondo di Spagna '82. La camera ardente per Paolo Rossi, che ha accessi contingentati a parenti e amici dell'ex calciatore, anche per rispetto delle normative anti-Covid, rimarrà aperta fino a domattina, e già molti giornalisti stanno raggiungendo da questa mattina l'esterno della struttura. I funerali di Paolo Rossi si svolgeranno sabato al Duomo di Vicenza.

11.31 - Con questo tweet, e la foto con Paolo Rossi che esulta braccia al cielo durante la finale del Mondiale 1982, il commissario tecnico della Nazionale, Roberto Mancini, ricorda l'ex attaccante deceduto all'età di 64 anni: "Sei stato il nostro eroe, ciao Pablito".

Paolo Rossi, dall'esplosione al Vicenza alla Juve: addio all'eroe del Mundial '82
Guarda la gallery
Paolo Rossi, dall'esplosione al Vicenza alla Juve: addio all'eroe del Mundial '82

11.28 - Così il tecnico viola Cesare Prandelli ricordando la figura del suo ex compagno di squadra, Paolo Rossi, scomparso nelle scorse ore: "Purtroppo un altro Grande del calcio ci ha lasciato. Non avevamo ancora metabolizzato la scomparsa di Diego e ora se n'è andato Paolo. Sono davvero senza parole, ero legatissimo a Paolo, siamo stati compagni di squadra per molti anni, abbiamo condiviso tanti momenti, belli e meno belli, abbiamo vinto, abbiamo perso, ma soprattutto abbiamo fatto un percorso di vita assieme. Paolo era un uomo eccezionale, mai troppo appariscente nonostante la sua grandezza, mai fuori luogo, sempre pacato e con un grande cuore. Per me è stato soprattutto un compagno ed un amico, ma per milioni di italiani è stato un eroe, il simbolo di una Nazione. Lui ha fatto sognare tutti ed è per questo che oggi il nostro Paese intero piange per lui e si stringe intorno alla sua famiglia. Ciao Pablito".

11.26 - "Hai battuto le leggende, ci hai reso i più grandi. Hai riunito un Paese e lo hai portato sul tetto del mondo. Ciao Pablito, purtroppo ancora una volta hai bruciato tutti sul tempo". Con questo tweet il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ricorda Paolo Rossi.

11.08 - Arthur Antunes Coimbra Zico, stella di quel Brasile che Paolo Rossi mise al tappeto ai Mondiali del 1982 con una tripletta, ricorda così su Instagram: "Descanse em paz Bambino d'Oro e grande amigo". 

10.54 - "Ti voglio ricordare sempre così sorridente. R.I.P grande Paolo". Lo scrive in una storia su Instagram Alessandro Altobelli che pubblica una foto recente che ritrae lui e Rossi abbracciati e sorridenti. Nelle foto successive Pablito che alza al cielo la Coppa del Mondo e "Spillo", campione anche lui nell'82, scrive "Tutto merito tuo, ti voglio bene fratello". Spazio anche per un'altra foto con Rossi, Vierchowod e lo stesso Altobelli che si godono un po' "di relax prima della partita", infine l'ultima foto con Pablito che abbraccia Bruno Conti e Altobelli che scrive: "Due fratelli".

10.48 - "Ti abbiamo ammirato in maglia azzurra, ti abbiamo abbracciato in maglia rossonera, il nostro ricordo per sempre al fianco del tuo dolce sorriso, ciao Pablito". Questo il tweet che il Milan dedica a Paolo Rossi. Pablito vesti' la maglia rossonera nella stagione 1985-1986.

10.40 - L'addio all'eroe del Mondiale 1982

10.38 - Questo il ricordo di Gianni Rivera al Tg2: "Paolo era una persona eccezionale, l'ho conosciuto bene successivamente dopo che aveva aperto un agriturismo ed ho capito che si trovava bene in quel mondo, purtroppo è durata poco. È stato uno dei pochi in Italia a vincere il Pallone d'Oro, un bel ricordo, peccato ci abbia lasciato così presto. In quegli anni, Paolo è stato un giocatore di grandissima qualità e tutti lo ricordano come tale".

10.36 - "Ciao Pablito, Eroe Azzurro". Con questo tweet il profilo della Nazionale italiana rende omaggio a Paolo Rossi.

10.26 - "Se sono campione del mondo lo devo a lui, fece 6 gol in quel Mondiale. Ricordo le notti insonni, lui che dormiva poco, ricordo le sue goliardate in ritiro". Lo ha dichiarato Fulvio Collovati al Tg2, ricordando Paolo Rossi scomparso questa notte. "Abbiamo una chat dei protagonisti dell'82 con ricordi, aneddoti e questa notte quando Federica ci ha mandato la triste notizia il cuore mi si è spezzato. Mi sono venuti in mente i 15 anni passato con Paolo. Era un ragazzo e un giocatore speciale, trasmetteva questa sua intelligenza in campo. Era difficile da marcare, era veloce e rapido, aveva un senso di appartenenza al gruppo non comune. Paolo era semplice, dopo i Mondiale '82 andammo in Libano a omaggiare i soldati italiani e due erano i personaggi amati, uno era Pertini l'altro era Paolo Rossi".

10.19 - "Ci ha permesso di vincere il Mondiale". Lo ha dichiarato Dino Zoff al Tg2, ricordando Paolo Rossi scomparso oggi. "Da un po' non ci sentivamo e vedevamo, lui non ha voluto parlare di questa situazione, si è sempre mantenuto riservato" ha detto il capitano dell'Italia ai Mondiali 1982. "Con un padre di famiglia come Bearzot, a parte io che potevo essere un fratello maggiore di Rossi, si era creato una vera squadra che si comportava da squadra anche nella vita fuori dal campo che e' una cosa molto importante" ha proseguito Zoff che ha ricordato quel periodo dei Mondiali spagnoli. "Eravamo in un momento di critiche esasperate fuori tema, anche lui era inserito in queste critiche, ma poi ha dimostrato valore, determinazione, carattere per risollevare noi e lui da una situazione tesa ed e' stato l'artefice principale di quella vittoria del Mondiale". 

10.09 - "Ci hai portato sul tetto del mondo Maledetto 2020 Ciao Amico Mio RIP". Lo ha scritto Bruno Conti su instagram ricordando Paolo Rossi.

9.44 - L'uomo che "ha fatto piangere il Brasile"

9.41 - "Nell'estate del 1982 con i suoi gol ha regalato un sogno a intere generazioni. È stato il simbolo di una Nazionale e di un'Italia, unita e tenace, capace di battere avversari di enorme caratura. Addio a Paolo Rossi, indimenticabile campione. L'Italia ti ricorderà con affetto". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

9.40 - "La S.S. Lazio esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Paolo Rossi e si unisce al dolore della famiglia". Così il club biancoceleste sul proprio sito internet dopo la morte del campione del mondo del 1982. "Ciao Paolo", twitta la Roma postando la foto di Pablito che esulta dopo un gol con la maglia azzurra.

9.23 - Con questo tweet Zbigniew Boniek ricorda Paolo Rossi: "Lo ammetto... piango. Facevi parte del gruppo di "Amici Veri"... con Te non solo ho vinto... ma anche vissuto...". 

9.18 - "Il presidente Aurelio De Laurentiis, l'allenatore Gennaro Gattuso e tutta la SSC Napoli, si uniscono al dolore della famiglia Rossi per la scomparsa del caro Paolo, grande campione e simbolo della Nazionale nel Mondiale del 1982". Così, su Twitter, il club partenopeo e il presidente azzurro ricordano Paolo Rossi.

9.06 - "La scomparsa di Pablito è un altro dolore profondo, una ferita al cuore di tutti gli appassionati difficile da rimarginare. Perdiamo un amico e un'icona del nostro calcio". Con queste parole il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, ricorda Paolo Rossi, campione scomparso all'eta' di 64 anni. "Trascinando con i suoi gol al successo la Nazionale dell'82', ha preso per mano un intero Paese, che ha gioito in piazza, per lui e con lui - aggiunge il numero 1 del calcio italiano -. Ha legato in maniera indissolubile il suo nome all'Azzurro e ha ispirato, con il suo stile di gioco, numerosi attaccanti delle generazioni future". Per ricordare Paolo Rossi bandiere a mezz'asta in via Allegri, nel palazzo sede della Figc, e al Centro Tecnico Federale di Coverciano. 

Quando Vicenza omaggiò Paolo Rossi
Guarda il video
Quando Vicenza omaggiò Paolo Rossi

9.02 - "Ci hai fatto gioire come poche altre volte, ci hai fatto abbracciare tutti insieme. Una coppa dorata tra i tuoi regali più belli. Grazie di tutto Pablito Rossi. Riposa in pace, Campione". Con queste parole la Lega B ricorda Paolo Rossi.

9.00 - "Ero piccolo ma i mondiali in Spagna del 1982 li ricordo. Ricordo l'esplosione di gioia, le urla, la festa. Da allora nacque il mito di Pablito, perché a portarci sul tetto del mondo fu proprio lui: Paolo Rossi". Con queste parole il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ricorda Paolo Rossi. "Una figura leggendaria dello sport internazionale - aggiunge su Facebook il ministro -. Campione del mondo e pallone d'oro nello stesso anno. I suoi gol hanno fatto esultare di gioia generazioni di italiani, che non lo dimenticheranno. Un abbraccio alla famiglia e ai suoi cari".

8.54 - "Un altro pezzo di storia del mio amato calcio se ne va. Grande Paolo con te ho vissuto in Nazionale gli anni piu' belli. Ti voglio bene. R.I.P". Lo ha scritto su Facebook il club manager viola Giancarlo Antognoni, campione del Mondo nel 1982 insieme a Paolo Rossi.

8.45 - "Tutta la Fiorentina piange l'eroe del Mundial '82 Paolo Rossi. Toscano, nato a Prato, indimenticabile protagonista nella nazionale di Bearzot della Coppa del Mondo vinta in Spagna". Lo ha scritto sui propri profili social la Fiorentina ricordando la figura di Paolo Rossi. Il club viola ha postato anche una foto di Paolo Rossi insieme al suo ex compagno di Nazionale, e attuale club manager gigliato, Giancarlo Antognoni.

8.38 - "A volte semplicemente non esistono parole per esprimere il dolore che tutti noi stiamo provando. Ciao Paolo". Con questo tweet il Vicenza saluta Paolo Rossi, uno dei campioni più importanti del calcio italiano che diventò grande proprio nel club biancorosso. Rossi giocò nel Lanerossi dal 1976 al 1979.

8.08 - Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A, ricorda Paolo Rossi con queste parole: "Paolo Rossi ci ha fatto sentire orgogliosi di essere italiani, è stato l'eroe di tutti noi. La Serie A piange un immortale del nostro calcio, amato dal mondo intero. Mando un sentito abbraccio e le condoglianze della Lega Serie A a tutta la sua famiglia".

8.06 - L'ex giocatore del Torino, Junior, lo ha ricordatoa Tv Globo, durante l'intervallo della partita tra San Paolo e Botafogo: "Quando arrivai in Italia dopo i Mondiali del 1982, lui giocava nella Juventus. Ci incontravamo spesso perché frequentavamo gli stessi ristoranti, era sempre gentile ed educato. Nonostante tutto quello che fece contro la nostra Seleçao, non ha mai detto una parola fuori posto.Lo rispettavo moltissimo, ma tutta la gente aveva un grande rispetto per Paolo".

7.30 - Paolo Rossi, il commosso addio della moglie

Lutto nel calcio, addio a Paolo Rossi
Guarda il video
Lutto nel calcio, addio a Paolo Rossi

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti