Aguero, racconto shock sull'addio al calcio: "Mi sembrava di annegare"

A Clank Media l'argentino ha ripercorso le tappe dei drammatici momenti vissuti nel corso della sua ultima partita con il Barcellona

Un racconto da brividi. Sergio Aguero ha raccontato le sensazioni che ha provato in quella che è stata la sua ultima partita da professionista, giocata con la maglia il Barcellona dove era arrivato nell'estate del 2021 dal Manchester City. L'ex attaccante argentino accusò dolori al petto e vertigini che lo costrinsero a essere sostituito. Subito dopo gli fu diagnosticata un'aritmia cardiaca. 

Aguero: "Non sentivo dolore, ho saltato per un colpo di testa..."

Alla sua prima partita da titolare con il club contro il Deportivo Alaves, il Kun è stato costretto a essere soccorso in campo perché si sentiva: "Come se stessi per svenire". A Clank Media, l'argentino ha raccontato: "Mi sentivo come se stessi annegando, non sentivo dolore. Avevo molta pressione in testa. Ho pensato che fosse perché ero fisicamente malato e ho pensato: 'Cavolo, sto così male.' Ho saltato per un colpo di testa, è partito un contropiede e ho iniziato ad avere le vertigini".

Aguero, il malore contro l'Alaves

Il racconto diventa drammatico: "Mi sentivo come se stessi per svenire e volevo calmarmi. Volevo dire qualcosa e le parole non uscivano. Ho preso la mano del capitano dell'Alaves come per dire: 'Ferma il gioco'. Ha iniziato a urlare e hanno fermato il gioco. Quando mi sono calmato, ho sentito come se il mio cuore avesse iniziato a battere più forte. È lì che mi ha colto l'attacco di aritmia".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aguero, quando si è ritirato

Aguero ha poi aggiunto e concluso: "Una settimana prima mi era successo in allenamento ma era durato solo 20 secondi". Aguero si è ufficialmente ritirato dal calcio nel dicembre 2021. Annunciò la sua decisione in una conferenza stampa alla presenza del suo ex manager Pep Guardiola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un racconto da brividi. Sergio Aguero ha raccontato le sensazioni che ha provato in quella che è stata la sua ultima partita da professionista, giocata con la maglia il Barcellona dove era arrivato nell'estate del 2021 dal Manchester City. L'ex attaccante argentino accusò dolori al petto e vertigini che lo costrinsero a essere sostituito. Subito dopo gli fu diagnosticata un'aritmia cardiaca. 

Aguero: "Non sentivo dolore, ho saltato per un colpo di testa..."

Alla sua prima partita da titolare con il club contro il Deportivo Alaves, il Kun è stato costretto a essere soccorso in campo perché si sentiva: "Come se stessi per svenire". A Clank Media, l'argentino ha raccontato: "Mi sentivo come se stessi annegando, non sentivo dolore. Avevo molta pressione in testa. Ho pensato che fosse perché ero fisicamente malato e ho pensato: 'Cavolo, sto così male.' Ho saltato per un colpo di testa, è partito un contropiede e ho iniziato ad avere le vertigini".

Aguero, il malore contro l'Alaves

Il racconto diventa drammatico: "Mi sentivo come se stessi per svenire e volevo calmarmi. Volevo dire qualcosa e le parole non uscivano. Ho preso la mano del capitano dell'Alaves come per dire: 'Ferma il gioco'. Ha iniziato a urlare e hanno fermato il gioco. Quando mi sono calmato, ho sentito come se il mio cuore avesse iniziato a battere più forte. È lì che mi ha colto l'attacco di aritmia".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

1
Aguero, racconto shock sull'addio al calcio: "Mi sembrava di annegare"
2
Aguero, quando si è ritirato