Ultimo con il Toronto e contestato: Insigne è senza pace

L’ex capitano del Napoli viene insultato da un tifoso: lui risponde infuriato, sua moglie lo trascina via
Ultimo con il Toronto e contestato: Insigne è senza pace© Getty Images
3 min
Davide Palliggiano

TORONTO (Canada) - A muso duro con un tifoso che lo stava insultando. Lorenzo Insigne era andato a Toronto per fare la differenza, ma la situazione della squadra canadese in Mls sarebbe addirittura drammatica se nel campionato esistessero le retrocessioni. Ultimi in classifica nella Eastern Conference, già fuori aritmeticamente dalla corsa ai playoff quando il 24 settembre il Toronto Fc ha perso 3-0 in trasferta contro il New York City Fc. In casa, nella notte tra sabato e domenica, la sua squadra ospitava la capolista Cincinnati: ci si aspettava una reazione d’orgoglio, che in parte c’è stata, ma è arrivata comunque la sconfitta per 3-2, la 14° nelle ultime 15 partite tra campionato e Leagues Cup. Ne mancano ancora 3 per la fine della stagione regolare e il Toronto Fc è indiscutibilmente la peggior squadra del campionato, distante 11 punti da chi la precede nella sua Conference, ovvero l’Inter Miami di Messi, che ha una partita in meno, ma che può ancora agganciare il treno dei playoff.

Insigne, tensione in tribuna

Insigne ha visto l’ultima partita dalla tribuna, ma quando un tifoso l’ha insultato non è riuscito a trattenere il suo stato d’insofferenza: «F*ck you» e «Respect» gli ha urlato, prima di essere trascinato via a fatica dalla moglie Jenny. L’ex capitano del Napoli, trasferitosi da svincolato nell’estate del 2022 in Canada, ha giocato poco quest’anno in campionato: in 31 giornate ha giocato solo 19 volte, di cui 17 da titolare: a referto 4 gol e 4 assist. Lo scorso giugno era stato esonerato l’allenatore, Bob Bradley, con il club che ha nominato Terry Dunfield, il quale non è riuscito a dare l’inversione di tendenza, anzi. La squadra è crollata in una drammatica striscia di risultati negativi e non è riuscito a tirarla fuori da questa situazione nemmeno l’altro italiano in forza al Toronto Fc, Federico Bernardeschi: per l’ex juventino 28 presenze, 5 gol e 2 assist. Lui e Insigne avrebbero tra l’altro fatto parte di quel gruppetto di giocatori che a gran voce ha richiesto alla società l’esonero di Bradley. Secondo The Athletic, lo scorso 25 agosto l’ex capitano del Napoli avrebbe addirittura lasciato l’allenamento dopo un’accesa discussione con Dunfield, dicendogli che avrebbe deciso lui se giocare o meno la partita successiva contro il Columbus Crew e non lo stesso allenatore. Diverse fonti canadesi hanno poi sostenuto che quando Insigne ha lasciato il campo di allenamento, è stato sentito fare commenti dispregiativi sul Toronto e su come viene trattato diversamente rispetto ad altre stelle della Mls. Prima dell’arrivo di Messi, Lorenzo era il giocatore più pagato del campionato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti