Messi si regala il 10º scudetto. Barça campione!
© AP
Liga
0

Messi si regala il 10º scudetto. Barça campione!

L’argentino, preservato inizialmente in vista della sfida Champions col Liverpool del prossimo primo maggio, subentra a inizio ripresa e sblocca una partita che pareva maledetta. È 26º titolo nazionale per il Barcellona, l’8º nelle ultime 11 stagioni.

BARCELLONA (SPAGNA) - È qui la festa! Al Barcellona è toccato soffrire più del previsto, ma alla fine, grazie all’indispensabile Messi, partito tra i rincalzi in vista della sfida Champions col Liverpool, è arrivata l’anelata vittoria sullo scorbutico Levante che rispedisce l’Atletico Madrid, vittorioso nel pomeriggio sul Valladolid, a 9 punti e sancisce aritmeticamente la conquista del 26º scudetto. Con ancora tre sole giornate da disputare i blaugrana potrebbero, nel peggiore dei casi, solo essere riacciuffati dai colchoneros, ma l’esito favorevole degli scontri diretti garantisce, comunque, il titolo a Leo e compagni. Il 10º personale per l’argentino, nelle sue quindici stagioni in prima squadra. L’8º, negli ultimi 11 anni, per il Barça, a dimostrazione di un incontrastato dominio in terra di Spagna, come sottolineato orgogliosamente anche dalle magliette celebrative indossate dai giocatori una volta terminata la gara. Non ci sarà troppo tempo, però, per i ragazzi di Ernesto Valverde per dormire sui freschi allori. Il primo maggio, infatti, al Camp Nou arriva il Liverpool, per l’andata delle semifinali di Champions League.

TUTTO SULLA LIGA

MESSI IN PANCHINA - Con tutto già predisposto per i festeggiamenti e la necessità di rispondere alla vittoria pomeridiana dell’Atletico, il Txingurri si vede costretto a ridurre al minimo il turn over in ottica Coppa Campioni. Partono dalla panchina, così, solo Busquets e Messi, alla 7ª partita da rincalzo della stagione. Rakitic in regia, supportato da Arturo Vidal e Arthur, agisce, così, alle spalle del tridente formato da Dembelé, Luis Suarez e Coutinho. Il Levante, che l’anno scorso impose l’unica sconfitta stagionale nel torneo ai campioni di Spagna, risponde con un accorto 4-1-4-1, al servizio del terminale offensivo Borja Mayoral.

NON SI SBLOCCA - Il primo tempo si risolve, fin dai primi scampoli, in un monologo ininterrotto dei padroni di casa, che bombardano da tutte le direzioni la porta difesa strenuamente da Aitor Fernandez. Il primo a provarci, dopo appena una manciata di minuti, è Luis Suarez, che obbliga al primo intervento l’estremo difensore ospite. Poi è l’attivissimo Coutinho a confezionare il primo dei suoi quattro tentativi della frazione. Il più sfortunato, una punizione al 41’, centra in pieno la traversa. Si arriva, così, al termine dei primi quarantacinque minuti con i levantini incredibilmente indenni.

DECIDE LUI - Tocca correre ai ripari e, così, Valverde si ripresenta, ad inizio ripresa, con Messi per Coutinho. Cinque giri di lancette e la Pulce testa per la prima volta i riflessi del portiere avversario con un rasoterra mancino dal limite. Appena varcato il 10’, tocca a Rakitic, che sfiora l’incrocio con una parabola a giro. Il gol è nell’aria e arriva puntualmente, al 17’, proprio con Messi, che servito dal cocciuto Arturo Vidal, trova lo spiraglio giusto per trafiggere Aitor Fernandez. E salgono a 34 i gol in campionato per il cinque volte Pallone d’Oro, indiscusso capocannoniere del torneo.   Una volta avanti, però, il Barça si scompone e concede una nitidissima palla per l’immediato pareggio al subentrato José Morales, che a tu per tu con Ter Stegen, spara incredibilmente alto. Valverde, deciso a ridurre al minimo i rischi, getta allora nella mischia Busquets. La sofferenza per i catalani, però, dura fino al termine, con un clamoroso palo colto da Bardhi a pochi istanti dal fischio finale. Sospiro di sollievo. Può iniziare la festa scudetto.

@andydepauli

Tutte le notizie di Liga

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti