Il Barcellona si ritrova a tre giorni dal Psg: manita all’Alaves!

Travolgente prestazione per i blaugrana, che s’impongono sui baschi grazie alle doppiette di Trinçao e Messi e al sigillo finale di Junior Firpo.
Il Barcellona si ritrova a tre giorni dal Psg: manita all’Alaves!© Getty Images
Andrea De Pauli

BARCELLONA (SPAGNA) - Più che convincente vittoria per il Barça, che a tre giorni dall’andata degli ottavi di Champions League con il Paris Saint Germain, rifila una sonora manita all’Alaves. Il settimo successo di fila in Liga dei catalani porta le firme di Trinçao e Messi, entrambi due volte a segno, oltre che di Junior Firpo. Del subentrato Luis Rioja, il momentaneo 2-1 dei baschi. Iniezione di fiducia per i blaugrana, che in settimana hanno compromesso le loro possibilità di conquistare la Coppa del Re, uscendo sconfitti per 2-0 dall’andata delle semifinali con il Siviglia del Papu Gomez.

TUTTO SULLA LIGA

CON LA MENTE AL PSG - Dopo il successo del primo pomeriggio della capolista Atletico sul Granada, la distanza dalla vetta è aumentata momentaneamente di ben 11 lunghezze, eppure Koeman, nonostante l’obbligo di non disperdere altri punti, decide di far rifiatare gli essenziali Jordi Alba, Pedri e Dembelé. E pazienza se già non poteva contare sugli indisponibili Piqué, Araujo, Sergi Roberto, Coutinho, Ansu Fati e Braithwaite. Troppo importante la sfida con la squadra di Mauricio Pochettino. L’ex ct dell’Olanda riorganizza lo schieramento, retrocedendo sulla linea arretrata Frenkie de Jong. Mediana tutta made in Barça con il debuttante in Liga Ilaix Moriba supportato da Busquets e Riqui Puig. Larghi sulle fasce Trinçao e il milanista mancato Junior Firpo, mentre davanti tocca a Griezmann e Messi, che nell’occasione raggiunge il recordman Xavi a quota 505 presenze con la casacca blaugrana. Il grande ex Abelardo risponde con il suo tradizionale 4-4-2, al servizio dei due attaccanti Lucas Perez e Joselu.

GIUSTIZIA PRIVATA - Dopo una prima porzione di gara caratterizzata da uno sterile possesso palla del Barça, la gara si scalda improvvisamente attorno alla mezz’ora, quando Trinçao porta in vantaggio i blaugrana al termine di una pregevole giocata ordita da Mingueza e Ilaix Moriba. Conferme per il gioiellino portoghese, che aveva già deciso la sfida col Betis Siviglia di domenica scorsa. Una manciata di minuti e Messi troverebbe il raddoppio, ma interviene il Var per sanzionare un presunto fuorigioco di Griezmann, all’inizio della giocata, che non sembra esistere. Un argomento in più per Piqué, che nei giorni scorsi si era lamentato degli arbitraggi in terra iberica. Proprio allo scadere, però, Leo decide di farsi giustizia da solo, con un angolatissimo sinistro dal limite, che non lascia scampo al portiere ospite Pacheco.

MANITA BLAUGRANA - Il doppio vantaggio sembra rassicurare Koeman, che in vista della sfida Champions con i parigini decide di trattenere nello spogliatoio il prezioso Busquets, sostituito da Umtiti. Al 12’, però, un erroraccio sulla trequarti del verde Ilaix permette a Luis Rioja di dimezzare lo svantaggio per l’Alaves, riaprendo una partita che sembrava perfettamente sotto controllo per i catalani. La risposta dei blaugrana, però è rabbiosa e, uno dietro l’altro, arrivano altri tre gol con lo scatenato Trinçao, Messi, che raggiunge quota 15 gol in campionato, e Junior Firpo. Ora il Barça può guardare con rinnovato ottimismo al big match col Psg di martedì prossimo.

@andydepauli

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti