La Juve divisa tra Allegri e Zidane: Agnelli vuole evitare la beffa

L’addio di Conte all’Inter accelera il carosello degli allenatori. Al presidente bianconero non piace l’idea di vedere il tecnico toscano in nerazzurro
La Juve divisa tra Allegri e Zidane: Agnelli vuole evitare la beffa© EPA
3 min

ROMA - Tra Torino e Madrid si intrecciano i destini delle panchine di Juve e Real. Ma è il fattore Antonio Conte ad aver accelerato il conto alla rovescia su quest'asse. Perché il tempo stringe, tra una Juve che aspettava Zinedine Zidane e un Max Allegri che aspettava il Real, alla fine l'incastro che può delinearsi è ora quello di un ritorno al passato di Max. Che c'entra Conte? Forse più di quanto si possa immaginare. Non tanto e non solo perché nella riffa dei nomi in orbita Real si è inserito pure il suo, ma perché quando si è concretizzata davvero la possibilità di un suo addio all'Inter (ufficializzatosi ieri con la risoluzione consensuale) è esplosa in casa Juve la ferrea volontà di evitare un film già visto. Allegri al Real sarebbe una cosa, così come in qualsiasi altro club, ma vederlo sulla panchina nerazzurra proprio nessuno lo vuole, soprattutto Andrea Agnelli.

La Juve supera il Napoli e va in Champions: i social si scatenano
Guarda la gallery
La Juve supera il Napoli e va in Champions: i social si scatenano

Allegri e Zidane, interessi convergenti

Allora mentre la Juve aspetta Zidane e Allegri aspetta il Real, gli interessi dei protagonisti potrebbero convergere senza che nessuno possa credere di essere una seconda scelta per l'altro. Tanto più che uno dei problemi legati all'eventuale Allegri-bis, il rapporto con Fabio Paratici, è scivolato via una volta per tutte con l'annuncio della separazione a scadenza naturale del contratto (30 giugno). Resterebbero altri nodi, dall'ingaggio a quelli di squadra (Ronaldo su tutti), ma Agnelli e Allegri sanno già tutto l'uno dell'altro, si potrebbero sciogliere facilmente. Ci si parla e si aspetta, mentre la Juve tiene vive le alternative e l'allenatore ascolta anche altre chiamate, tipo di quella stessa Inter che il tentativo lo fa eccome. Con Andrea Pirlo sempre fermo in attesa a sua volta di un segnale, nella speranza di poter restare ancora al suo posto. E oggi c'è l'assemblea degli azionisti Exor, segnali da John Elkann sono in arrivo. Il punto è che né Allegri né la Juve possono permettersi di aspettare i chiari di luna madrileni in eterno, ma anziché accelerare ora la coppia Florentino-Zidane temporeggia.

Tutti gli approfondimenti sul Corriere dello Sport-Stadio

Juve, ufficiale: è addio con Fabio Paratici
Guarda il video
Juve, ufficiale: è addio con Fabio Paratici

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti