Inter, prima offerta alla Lazio per Correa

I nerazzurri hanno proposto 5 milioni di prestito e 25 per il riscatto
Inter, prima offerta alla Lazio per Correa© Getty Images
TagsCalciomercatoLazioInter

Prima offerta dell’Inter per Correa: 5 milioni per il prestito e altri 25 per il riscatto. Insomma, dopo i primi sondaggi per Thuram, l’Inter si è mossa in maniera concreta anche per l’argentino della Lazio. Che, ieri, a conferma delle parole di Sarri alla vigilia, è finito in tribuna. Ma ancora più significative sono state le dichiarazioni di Tare, prima del fischio d’inizio del match con l’Empoli. «Correa all’Inter è una possibilità, non ancora una trattativa. Dipende da loro». Invece, a questo punto la trattativa c’è eccome. Solo che Marotta e Ausilio, dovranno vincere le resistenze di Lotito. Il presidente biancoceleste, infatti, valuta il “Tucu” una quarantina di milioni, compresi i bonus. Insomma, Correa vuole l’Inter a tutti i costi, ma c’è distanza e da viale Liberazione dovranno inevitabilmente rilanciare. 

L'infortunio di Thuram avvicina Correa all'Inter

«Siamo alla ricerca di un altro attaccante, compatibilmente con quello che il mercato offre e le risorse economiche a disposizione. Ma siamo sicuri che faremo la scelta migliore», ha spiegato Marotta. Soprattutto il secondo sarà l’aspetto fondamentale. Perché l’Inter ha un budget da cui non può sforare. Si tratta di una trentina di milioni, non di più. Il Borussia Mönchegladbach per Thuram, sembrava più disposta ad avvicinarsi alla disponibilità nerazzurra. Ma da ieri qualcosa è cambiato. Innanzitutto, l’attaccante francese, dopo essere partito titolare contro il Bayer Leverkusen è stato costretto ad abbandonare il campo dopo 20’ per una distorsione al ginocchio destro, con possibile coinvolgimento del legamento collaterale.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti