Ronaldo, tre milioni a gol

Ronaldo, tre milioni a gol© Getty Images
3 min
Ivan Zazzaroni

L’ immagine del dio portoghese baciato dal talento e dalla fortuna, sempre ridente, sul pezzo e accompagnato da marce trionfali e dai colori della vittoria, s’avvia a sciogliersi in uno struggente fado, l’antico canto del destino. «Se torturi i numeri abbastanza a lungo - diceva Greg Easterbrook - confesseranno qualsiasi cosa». Anche che Ronaldo è stato un investimento estremamente deludente. Novantotto partite e 81 gol in A, la media - 0,82 - è la migliore di tutti i tempi, superiore allo 0,77 dell’ex primatista Nordahl. Per inciso, l’anno scorso Cristiano è stato il capocannoniere del campionato con 29 centri. Salgono a 101, i gol, in 134 partite, se si considerano le coppe. Diciassette gli assist ufficiali (l’inimitabile Massimo Perrone li ha ripuliti calcolando quelli della Lega, non dei siti, per la A e verificando partita per partita quelli in Champions). In tre anni ha conquistato 2 scudetti, 2 supercoppe italiane e una coppa Italia ma - senza colpe specifiche, tutt’altro - ha anche partecipato all’unico campionato perso su dieci e a tre pesanti eliminazioni in Champions, l’obiettivo per il quale era stato acquistato.

A oggi è costato all’incirca 305 milioni, fra transfer e ingaggio. Facendo il conto della serva, il prezzo di ogni suo gol supera i 3 milioni di euro, per la precisione 3.019.802. Ronaldo ha fatto indubbiamente crescere il club nel suo complesso, migliorandone lo standing internazionale. Ha anche inciso sull’incremento del fatturato societario, ma poi - purtroppo per la Juve e per tutti - la pandemia ha vanificato lo sforzo prodotto, azzerando i vantaggi finanziari derivati dalla sua presenza.

Si è rivelato, insomma, un investimento “investito” perfino dalla sfiga. Anche il nostro campionato ha ottenuto benefici dalla presenza di Cristiano nel primo anno e mezzo (sono aumentate le presenze negli stadi dove giocava la Juve), ovvero fino alla chiusura al pubblico degli impianti a causa del Covid.

Quando Andrea Agnelli decise di alzare notevolmente l’asticella giocando la carta rischiosa dell’utopia, non acquistò soltanto un fuoriclasse, fece società con un’altra multinazionale, ma di natura individuale: per Cristiano, mai un capello fuori posto, quel che conta è soprattutto il fatturato personale che si alimenta con i gol, i trofei, i follower e i like da sponsorizzazione. E quando i gol arrivano ancora ma i trofei che contano vengono a mancare e l’età avanza, accade quello che stiamo vedendo da settimane. Un cortocircuito continuo di debolezze che scuote, allarma, stordisce. Comunque vada a finire, hanno perso tutti.

Ronaldo si allena mentre la Juve tratta con Mendes
Guarda la gallery
Ronaldo si allena mentre la Juve tratta con Mendes

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti