Pinamonti: “Ho due maglie di Ibra, cominciano a chiederla anche a me”

L'attaccante dell'Empoli, di proprietà dell'Inter, parla a Dazn Talks su Twitch: “Mai imparato tanto come da Conte”
Pinamonti: “Ho due maglie di Ibra, cominciano a chiederla anche a me”© Roberto Bregani/Massimo Sestini
3 min
TagsPinamontiLukaku

Andrea Pinamonti non scorda l'Inter, la squadra proprietaria del cartellino, anche da Empoli dove è in prestito. Ne parla a Dazn Talks su Twitch, raccontando anche della prima volta che ha affrontato Ibrahimovic da avversario: “Perse, era arrabbiato e non gli chiesi nulla”. Si riscatterà in seguito, visto che ora di maglie dello svedese ne ha addirittura due.

Vidal si prepara ad affrontare l'Uruguay...con una gallina
Guarda il video
Vidal si prepara ad affrontare l'Uruguay...con una gallina

Pinamonti: “Non ho buttato un anno all'Inter”

L'anno scorso Pinamonti ha trovato poco spazio in nerazzurro, davanti c'era un certo Lukaku, oltre a Lautaro e Sanchez. Ma non è stato un anno perso, anzi: “Tante volte mi son sentito dire che ho buttato via un anno, ma non è stato assolutamente così. Pur non giocando, ho appreso tanto, forse più di sempre. Ero consapevole della scelta fatta, in attacco l’Inter era piena di campioni. Abbiamo fatto - io e il mio agente - questa scelta per lavorare con Conte, sapevo che avrei potuto lavorare e imparare tanto. Non mi sento di dire che ho perso un anno, ho imparato tanto dal mister e dai compagni. Lukaku è un gigante buono, una delle persone più buone con cui mi sia mai rapportato. È molto calmo, ho grandi ricordi di lui, tante volte mi dava consigli o veniva da me a farmi ridere. Mi ha aiutato tanto in certi momenti, dava molti consigli Romelu. Il più prezioso è come usare il fisico, mi diceva che dovevo usare bene il mio corpo e quest’anno sto cercando di metterli in pratica”.

Pinamonti: “Le maglie che ho...”

Racconta alcuni aneddoti sulle maglie che possiede il giovane attaccante: “Stanno iniziando ad aumentare. Tra nazionali giovanili e club, si creano rapporti di amicizia. Scambiare la maglia è un simbolo di amicizia anche. Quella di Ibra la metto tra le prime a cui tengo di più, poi quelle dell’Inter come Bastoni, Skriniar, ce ne sono un po’. Il primo che me l’ha chiesta è stato un ragazzo del Verona il cui fratello giocava con me quando giocavo al Chievo. Mi ha fatto molto piacere, è Terracciano”. La maglia di Ibra: “Da sempre il mio idolo è stato Ibrahimovic. Ci ho giocato contro due anni fa, Milan-Genoa, sono emozioni forti. Io avevo comprato la sua maglia quando era all’Inter, poi l’ho visto in campo da avversario, è un’emozione particolare e non facile da gestire. Sono tante cose che fanno piacere e fanno sentire realizzato. L’avevo salutato, avevamo vinto noi la partita, era abbastanza incazzato e ho evitato di chiedere certe cose. Ma abbiamo lo stesso procuratore e quindi ho avuto modo di conoscerlo, di parlarci, di conoscere una bella persona. Posso mettere a confronto la sua prima maglia che avevo comprato e quella che mi ha dato lui”.

Cile fuori da Qatar 2022: Vidal scoppia in lacrime
Guarda la gallery
Cile fuori da Qatar 2022: Vidal scoppia in lacrime

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti