Inter, Dumfries è l'uomo in più

L’esterno olandese punto di forza nerazzurro. E Inzaghi vorrebbe blindarlo
Inter, Dumfries è l'uomo in più© Inter via Getty Images
4 min
Pietro Guadagno
TagsInterdumfriesMercato

MILANO - Quando, prima e dopo il match con il Lecce, Inzaghi ha affermato che non ci sarebbero state altre uscite e che la sua squadra sarebbe rimasta così – al netto ovviamente dell’aggiunta di un centrale difensivo -, il suo riferimento non era soltanto a Skriniar, ovvero il nome più chiacchierato di queste settimane estive, ma anche a Dumfries, altro elemento oggetto di diversi discorsi. L’olandese, infatti, al pari dello slovacco, è da considerare ormai un elemento cardine della sua Inter. Sacrificare uno dei due poteva anche essere messo in preventivo qualche tempo fa, quando ci sarebbe stato margine a sufficienza per individuare un adeguato sostituto. Adesso non ce n'è più e l’impianto nerazzurro, nel caso, si ritroverebbe improvvisamente monco.

Tutte le probabili formazioni della seconda giornata di Serie A
Guarda la gallery
Tutte le probabili formazioni della seconda giornata di Serie A

L’impatto di Dumfries 

La sua importanza, sempre che ce ne fosse bisogno, Dumfries l’ha confermata anche sabato scorso in terra pugliese. Non inganni la panchina iniziale (semplice rotazione, alla luce delle ottime condizioni di Darmian), quando è entrato, nella ripresa, l’olandese ha fatto il vuoto. Ha sgommato sulla fascia, ha crossato e ha dato presenza in area, colpendo il palo con un’incornata delle sue. E, all’ultimo secondo, ha avuto il fiuto di lanciarsi sulla spizzata di Lautaro, riuscendo a spingere in rete il pallone che è valso 3 punti comunque fondamentali.

Chalobah all'Inter, ecco come si può chiudere

Inter-Spezia, probabile formazione: Dimarco e Bastoni titolari, out Gosens
Guarda la gallery
Inter-Spezia, probabile formazione: Dimarco e Bastoni titolari, out Gosens

Dumfries come Perisic

Con quest’ultima prodezza, il bottino in nerazzurro di Dumfries è salito a 6 centri, a cui vanno aggiunti anche 7 assist. Cifre di tutto rispetto per un esterno. E pensare che l’inizio della sua avventura italiana aveva sollevato parecchi dubbi. L’adattamento ad un nuovo calcio ha incontrato difficoltà, esemplificate al meglio nel rigore provocato nella prima sfida di campionato con la Juventus. Da lì in poi, però, è cominciata la sua risalita. Fino, evidentemente, a renderlo tassello fondamentale della squadra. Ancora di più adesso che è partito Perisic. Con un Gosens che sta faticando, infatti, solo l’olandese è in grado di garantire almeno in parte l’apporto del croato. 

Inter, Onana si tiene in forma

Lukaku trascina l'Inter: che grinta in allenamento
Guarda la gallery
Lukaku trascina l'Inter: che grinta in allenamento

La resistenza dell’Inter

Messosi in luce in occasione degli Europei della scorsa estate e confermatosi ad altissimo livello anche in Italia, Dumfries ha inevitabilmente attirato le attenzioni di grandi club. Inizialmente sulle sue tracce si era messo il Bayern, poi è stato più volte il Chelsea a cercare di scardinare le resistenze interiste. A cominciare dal primo tentativo di inserirlo nell’operazione-Lukaku, l’Inter ha alzato il muro. E, in parallelo, anche la quotazione di Dumfries è salita: dagli iniziali 35-40 milioni, siamo ora arrivati attorno ai 50. Anche perché nel frattempo i Blues ne hanno investiti ben 65 per Cucurella, laterale mancino. Come si può leggere anche a parte, i canali con il club londinese continuano ad essere aperti anche dopo la cessione di Casadei. Al momento, però, non rimbalzano segnali per un rilancio sull’olandese. In ogni caso, Marotta, Ausilio e Baccin, con il pieno e scontato sostegno di Inzaghi, sono intenzionati a respingere ogni nuovo assalto. Ma la variabile Zhang non può essere trascurata, soprattutto se, all’ultimo, arrivasse davvero un’offerta monstre… 

Dalla Francia: "Psg, nuova offerta all'Inter per Skriniar"
Guarda il video
Dalla Francia: "Psg, nuova offerta all'Inter per Skriniar"


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti