Lazio, Akpa Akpro e gli altri: ecco cosa accadrà

Il ritorno dei prestiti tanti giocatori di nuovo a formello: per l’ivoriano il nodo del bilancio
4 min
Carlo Roscito

ROMA - Ritorni poco graditi. Via vai a Formello, per molti sarà “via” e basta. Nemmeno si riaffacceranno nel centro sportivo. C’è una lunga lista di calciatori in prestito, tra chi è destinato a rientrare per poi ripartire e chi invece saluterà in via definitiva poiché arrivato a scadenza contrattuale. È il caso di Durmisi, protagonista in Spagna (si fa per dire) nell’ultima stagione. Ha vestito due maglie in Segunda División senza successo: al Leganes fino a gennaio, poi al Tenerife nei successivi 6 mesi. La miseria di 12 presenze complessive, soltanto 5 da titolare. In estate il danese dirà addio alla Lazio, che lo aveva acquistato nel 2018 facendogli firmare un quinquennale. Siamo agli sgoccioli. Il discorso vale anche per gli ex Primavera Armini e Novella, quest’anno in Serie C al Potenza e al Picerno. Cicerelli, 29 partite in B con la Reggina, verrà riscattato dai calabresi: sono stati soddisfatti i parametri necessari per far sì che si concretizzasse l’obbligo.

Obbligo

Non è l’unica certezza in questo senso. La salvezza del Cadice ha fatto esultare pure la dirigenza biancoceleste: Escalante, il cui contratto sarebbe scaduto nel 2024, rimarrà sicuramente in Spagna vista la permanenza in Liga degli andalusi. L’argentino è stato uno dei migliori dal mercato invernale in poi (prima era alla Cremonese), ha realizzato 4 gol pesantissimi che hanno aiutato il club a centrare il proprio obiettivo. Diventerà l’acquisto più costoso nella storia del Cadice, alla Lazio andranno poco più di 4 milioni di euro.

Cash

Soldi aggiuntivi nella casse di Lotito, da reinvestire poi per rinforzare la rosa di Sarri. Altri milioncini possono arrivare da Acerbi, colonna della difesa dell’Inter di Inzaghi che ha sfiorato l’impresa in Champions. Impensabile la rinuncia da parte dei nerazzurri dopo una stagione a questi livelli, servono 4 milioni per riscattarlo. L’Inter potrebbe chiedere uno sconto, è il rebus da risolvere. Il centrale ha un contratto fino al 2025. Stessa scadenza per Akpa Akpro, uno dei segreti dell’Empoli di Zanetti, che l’ha impiegato addirittura come esterno “offensivo” una volta virato verso il 4-2-3-1. L’ivoriano si è fatto apprezzare anche nell’ultima giornata di campionato contro la Lazio. Ieri ha rilasciato un’intervista social su TikTok: «Mi piacerebbe tornare al Tolosa quando mi mancheranno 2 o 3 stagioni di carriera. Ho 30 anni, però me ne sento 25». Coi francesi aveva giocato fino al 2017, poi andò alla Salernitana. E’ a bilancio per 12 milioni, nonostante l’ammortamento sarà difficile venderlo, l’unica strada è prestarlo di nuovo.

Listone

Altri 8 giocatori completano la carrellata dei ritorni. In ordine di scadenza: hanno un altro anno - fino al 2024 - Jony (di rientro dallo Sporting Gijon), Lombardi (Triestina), Alessandro Rossi (Monterosi) e Marino (Fidelis Andria). Contratto fino al 2025 per André Anderson (San Paolo), Raul Moro (Real Oviedo) e il baby portiere Furlanetto (Renate). Nessuno ha brillato. Addirittura scadenza 2026 per Kamenovic, da gennaio allo Sparta Praga (9 presenze). L’agente Kezman, oltre a definire la delicata questione Milinkovic, dovrà trovare una nuova sistemazione pure al difensore classe 2000. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti