Shomurodov, una tripletta a Moriero per riconquistare la Roma

L’attaccante preso dal Genoa, chiude da protagonista nelle qualificazioni alla Coppa d’Asia una stagione vissuta tra luci e ombre con il club
Shomurodov, una tripletta a Moriero per riconquistare la Roma© BARTOLETTI
3 min
Jacopo Aliprandi
TagsRomshomurodov

ROMA - Eldor Shomurodov manda un segnale a Mourinho in vista della prossima stagione. Uno di quelli che senz’altro farà piacere al tecnico portoghese: tripletta in nazionale e tanta voglia di rilanciarsi anche con la maglia della Roma. Shomurodov è stato assoluto protagonista della vittoria per 4-0 del suo Uzbekistan contro le Maldive con tre reti importanti che hanno portato alla seconda vittoria consecutiva e al primo posto nel girone delle qualificazioni alla prossima coppa d’Asia. Una tripletta contro un ct non proprio qualunque: sulla panchina delle Maldive siede Francesco Moriero, alla Roma per tre stagioni, da 1994 al 1997, un’ala che Carlo Mazzone volle fortemente in giallorosso. 

Dopo appena due minuti il capitano della selezione uzbeka arrivato l’estate scorsa alla Roma, ha battuto il portiere delle Maldive approfittando di una disattenzione difensiva, poi al 51’ un bel destro angolato dal limite dell’area di rigore e per finire all’80’ un’azione solitaria in contropiede nella quale è riuscito a superare i due centrali e a bucare il portiere in uscita. Insomma, una bella prova per chiudere al meglio questa stagione non esaltante in giallorosso e prepararsi con il giusto entusiasmo alla prossima in giallorosso. «Sono stati tre punti importanti per la classifica del girone - ha dichiarato il centravanti al termine del match -. Adesso voglio continuare così anche per entrare nella storia della nazionale». Shomurodov infatti è a soli tre gol dal miglior marcatore dell’Uzbekistan, Maksim Shaskix, ex centravanti della Dinamo Kiev e autore di 34 reti con il suo Paese.  
 

Cambio passo

Ma non basta, perché l’obiettivo di Eldor è di dire la sua anche con la maglia della Roma. Cinque reti in questa stagione: tre in campionato, una in Conference e un’altra in coppa Italia. Poche, sebbene alcune efficaci per non perdere due punti preziosi in Serie A nella corsa all’Europa League. Mourinho non è rimasto soddisfatto del suo impatto in giallorosso e gliel’ha dimostrato con tante panchine finché lo stesso attaccante ha capito di dover lavorare di più per restare alla Roma e dimostrare le sue qualità. Shomurodov si è rimesso in discussione, ha faticato negli allenamenti e ha cambiato il suo atteggiamento, decisamente più propositivo negli ultimi mesi della stagione. E Mourinho lo ha ripagato facendolo giocare nelle ultime partite di campionato e concedendogli anche qualche minuto nella finale col Feyenoord. Da lì la decisione dello Special One di non bocciarlo ma di dargli una seconda opportunità per mostrare alla Roma le sue capacità. «Grande Eldor», ha scritto Mou sotto la foto pubblicata dall’attaccante sui social che lo ritrae con la coppa della Conference. I ringraziamenti dell’uzbeko al mister sono un ulteriore segnale della sua voglia di dimostrargli il suo valore. Shomurodov la prossima stagione vestirà ancora la maglia giallorossa, sarà a Trigoria per sfruttare le sue chance e diventare importante non solo per la nazionale ma anche per il suo club.


Commenti