Rito voodoo Lukaku, ecco a cosa si riferiva Ibrahimovic

La rissa sfiorata in campo è dovuta a vecchi screzi risalenti ai tempi del Manchester United: qui la spiegazione
Rito voodoo Lukaku, ecco a cosa si riferiva Ibrahimovic© Inter via Getty Images
TagsLukakuIbrahimovicInter-Milan

È stato il caso che ha condizionato il derby di Coppa Italia tra Inter e Milan: la clamorosa lite a favore di telecamere tra Ibrahimovic e Lukaku ha polarizzato l'attenzione di giocatori e tifosi, scatenando un acceso dibattito tra chi difende lo svedese del Milan e chi prende le parti dell'attaccante dell'Inter. Ma che cosa ha fatto scattare la miccia tra i due? A che cosa si riferiva Ibra parlando di riti voodoo?

A che cosa si riferiva Ibra

La spiegazione va fatta risalire a qualche anno fa, quando entrambi giocavano in Inghilterra. Corre l'anno 2017 e Romelu diventa il primo straniero a segnare 80 gol in Premier prima dei 24 anni: i top club si mettono sulle sue tracce e il belga decide di lasciare l'Everton. Il motivo lo racconta il proprietario dei Toffees, Farhad Moshiri, in una riunione con i soci di minoranza: “Gli abbiamo offerto un accordo migliore del Chelsea e il suo agente è venuto a Finch Farm per firmare il contratto. Era lì, tutto era a posto, c’erano alcuni giornalisti fuori, poi durante la riunione Rom ha chiamato sua madre. Ha detto che era in pellegrinaggio in Africa o da qualche parte, aveva fatto un voodoo e aveva ricevuto un messaggio che doveva andare al Chelsea”.

Lukaku contro Ibrahimovic, che scintille in Inter-Milan!
Guarda la gallery
Lukaku contro Ibrahimovic, che scintille in Inter-Milan!

Lukaku nega tutto

Sull'onda delle polemiche, era stato lo stesso Lukaku - che poi era passato al Manchester United - a negare tutto, minacciando di passare alle vie legali. "Romelu è molto cattolico e il voodoo non fa parte della sua vita o delle sue convinzioni - spiegava in una nota il portavoce del campione belga - Semplicemente non aveva fiducia nell’Everton e non aveva fiducia nel progetto di Moshiri. Ecco perché non ha voluto firmare”. Ibra, che ha giocato con Lukaku proprio alla United, non è nuovo nel saper stuzzicare l'excompagno: parlando del periodo con i Red Devils, Ibra aveva rivelato in maniera ironica di alcune scommesse con il collega sulle sue doti tecniche (“Non accettò mai, forse aveva paura di perdere”).

Lukaku e il legame con la madre

È noto che Romelu sia molto legato alla madre. "Ho fatto una promessa a me stesso - aveva raccontato - Sapevo esattamente cosa dovevo fare e cosa avrei fatto. Un giorno tornai a casa da scuola e trovai mia mamma in lacrime. Così alla fine le dissi: 'Mamma, vedrai che tutto cambierà. Giocherò a calcio nell'Anderlecht e succederà presto. Staremo bene. Non dovrai più preoccuparti'. Avevo sei anni".

Eriksen, punizione magica in Coppa Italia: Milan ko, Inter in semifinale
Guarda la gallery
Eriksen, punizione magica in Coppa Italia: Milan ko, Inter in semifinale

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti