Insigne e il futuro al Napoli, c’è un appuntamento in calendario

Il capitano in scadenza nel 2022, il difensore senegalese, Meret e Fabian Ruiz nel 2023: ambizioni e prospettive
Insigne e il futuro al Napoli, c’è un appuntamento in calendario© Getty Images
Antonio Giordano
TagsInsigneKoulibaly

Il capitano del Napoli, ma anche il leader tecnico, non può vivere per un anno intero con un accordo che andrebbe esaurendosi il 30 giugno del 2022: non se lo può permettere la società, né un giocatore che fi nirebbe per risentirne della condizione di «precariato» e con il pericolo di essere etichettato alla prima gara in chiaroscuro. L’Europeo ha rimodulato il calendario degli appuntamenti: se ne parlerà, ovvio, ma solo dopo questa esperienza internazionale. E affinché non ci siano dubbi per nessuno, sarà inevitabile decidere in fretta, evitando equivoci dannosi.

Non solo Insigne, anche Koulibaly deve chiarire la sua posizione con De Laurentiis

Koulibaly ha chiesto un appuntamento ad Adl per avere un orizzonte nitido: a trent’anni (che compirà domenica), c’è da orientare se stesso e le proprie aspirazioni. E il Napoli ha bisogno di capire se esisteranno eventualmente margini per un rinnovo che tenga lontani, nel caso, eventuali estimatori. Fabian Ruiz è un gioiello che ha scoperto due possibili «vetrine» già occupate: il Psg e l’Atletico hanno investito a centrocampo, automaticamente avranno meno interesse a farlo ancora su un lingotto d’oro che vale non meno di 60 milioni di euro. Però l’estate non è ancora cominciata...E Meret, che comincia a sentire più fi ducia intorno a sé e dovrebbe uscire da un ballottaggio che qualcosa gli ha sottratto, può cominciare a togliersi i guanti, ma per fi rmare: il Napoli ne ha voglia.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti