Ermal Meta, Primo maggio proibito e la festa Inter: furia social

L'artista si è scagliato contro il raduno dei tifosi nerazzurri ieri a Milano: i due post integrali
Ermal Meta, Primo maggio proibito e la festa Inter: furia social
TagsScudettoInter

Ermal Meta si è sfogato sui social: l'artista ha criticato il raduno dei tifosi nerazzurri ieri a Milano, paragonandolo ai divieti fin troppo severi imposti ai cantanti del Concertone del 1° maggio. Meta ha pubblicato due post, uno su Twitter e uno su Instagram, entrambi con una foto della festa scudetto interista. Ecco cosa ha scritto il cantautore, noto tifoso del Napoli.

Ermal Meta su Twitter: "Mi sento preso per..."

Ecco il messaggio integrale scritto da Ermal Meta su Twitter: "Al primo maggio non abbiamo potuto portare i nostri tecnici nonostante tutti i controlli. Ieri al rientro a Milano mi sono trovato questo. È tutto molto imbarazzante e credo di non essere l’unico a sentirsi preso per i fondelli".

Lo sfogo su Instagram: "Italia fondata sul calcio?"

Queste, invece, le parole scritte in una storia Instagram: "Al Primo Maggio nessun artista ha potuto portare i propri tecnici per questioni di "sicurezza". Lo abbiamo accettato tutti senza discussioni. Ieri però rientrando a Milano c'era questo. Vi sembra normale? Dove sono le istituzioni quando servono o è vero che l'Italia è una Repubblica fondata sul calcio?"

Scudetto Inter, Padelli commosso in piazza
Guarda il video
Scudetto Inter, Padelli commosso in piazza

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti