Amadeus: “Scudetto all'Inter o Sanremo? Non ho dubbi"

Il conduttore di Sanremo commenta il momento della squadra nerazzurra dopo la sconfitta nel derby
Amadeus: “Scudetto all'Inter o Sanremo? Non ho dubbi"© ANSA
4 min
TagsAmadeusInterSanremo

Tra il secondo scudetto consecutivo dell’Inter e gli ascolti da record di Sanremo 2022, Amadeus non ha dubbi su cosa scegliere. “Devo dire che Sanremo non capita sempre. Vada per Sanremo, lo scudetto lo abbiamo vinto l'anno scorso. Poi se si rivince anche quest'anno meglio - ha dichiarato a Radio Sportiva -. Mi hanno chiesto se fossi più felice per il sabato sera o più triste per la sconfitta nel derby. Ho risposto che la felicità degli ascolti e della gioia del sabato sera a Sanremo era enorme. Mi dispiace per il derby ma in quel momento la gioia per Sanremo veniva un po' prima”.

Amadeus e il ritorno di Mourinho a San Siro

“Noi interisti saremo sempre legati a José Mourinho. Abbiamo passato anni indimenticabili, lui ha scritto la storia. C'è un affetto reciproco immenso – dice Amadeus -. Sarà una grande emozione nel vederlo entrare al Meazza. Poi quando inizierà la gara, lui sarà l'allenatore della Roma. E noi faremo di tutto per non renderlo felice alla fine della partita”. Amadeus ha chiamato il figlio come l’ex allenatore dell’Inter, quando ancora il bambino non era nato. “Io seguivo già Mourinho al Porto, l'ho sempre considerato un grande allenatore, un grande personaggio. Mi ha sempre affascinato e interessato. Ero e rimango un suo fan. Mia moglie era incinta nel 2009, l'anno in cui lui aveva firmato per l'Inter. Ancora non avevamo vinto il triplete ma io sulla fiducia decisi di chiamare mio figlio Josè”.

Amadeus: una canzone per la sconfitta nel derby

Dobbiamo ripartire con grinta. È successo, può capitare. Non diamo la colpa a nessuno. Giocavamo contro un Milan forte. Non abbiamo approfittato del vantaggio, questo è un problema che ogni tanto mi accorgo che abbiamo. Quello di non riuscire a chiudere le partite subito, quando giochiamo in 50, 60 e a volte anche 70 minuti col dominio del gioco ma non riusciamo a chiudere la partita e restiamo un po' sempre in sospeso sino alla fine. Questa è una cosa credo su cui Inzaghi sta lavorando. La canzone? Vorrei usare una canzone di Sanremo che è “Insuperabile” di Rkomi – dice Amadeus a Sportiva - Vorrei che noi fossimo insuperabili sia in classifica sia nel gioco e ripartire con la stessa energia musicale per poter andare avanti al meglio in campionato e tentare di portare a casa un altro scudetto”.

Lotta scudetto: Ama teme anche la Juve

“La Juventus l'avrei esclusa prima dell'arrivo di Vlahovic. Adesso non solo perché c'è Vlahovic ma anche da un punto di vista psicologico per il mercato la vedo con una maggiore consapevolezza di forza. La Juventus rientra a pieno diritto nella lotta scudetto  ha aggiunto il conduttore -. Credo che le squadre siano queste. Inter, Milan, Napoli e Juventus. Si deciderà tutto secondo me nel prossimo mese. Ora è il momento di tener botta. Ora l'Inter non deve permettere a nessuno di superarla. Se li tiene dietro, a fine marzo ci sarà il rush finale. Noi a quella data dobbiamo arrivare da primi in classifica”. E tra la coppia Mahmood e Blanco e Lautaro-Dzeko, Amadeus non ha dubbi: “Devo dire che Mahmood e Blanco sono fortissimi, loro hanno fatto centro. Da Lautaro e Dzeko mi aspetto qualcosa in più”.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti