Lega Pro Playoff, Lecce eliminato. Alessandria avanti ai rigori

Giallorossi fuori alle porte delle semifinali: pesano gli errori dal dischetto di Costa Ferreira e Ciancio. E la Reggiana fa fuori il Livorno

© LaPresse

ALESSANDRIA - Nel piccolo ma caldissimo Moccagatta, il Lecce viene eliminato alle porte della Final Four di Lega Pro. E' l'Alessandria a restare in corsa per salire in Serie B. Porta stregata per i giallorossi, supportati da oltre 1000 tifosi arrivati nell'impianto piemontese (5231 il totale degli spettatori). Ci sono voluti i calci di rigore per scrivere la parola fine. Già, dopo l'1-1 del Via del Mare, la gara di ritorno si è chiusa sullo 0-0 nonostante i 120' giocati. Dal dischetto sono risultati decisivi gli errori di Costa Ferreira e Ciancio. Il Lecce giocherà anche l'anno prossimo in Lega Pro.  

TUTTO SULLA LEGA PRO

SUPER VANNUCCHI - Passano appena due minuti e sono scintille: Torromino e Marras vengono ammoniti. Il Lecce fa la partita e tiene maggiormente il pallino del gioco. Al 21' si mette in mostra Vannucchi, il portiere di casa, che mura le conclusioni di Caturano e Lepore. Al 37' si vedere l'Alessandria: ci pensa Gonzalez a scaldare i guanti di Perucchini. Poco prima del riposo Cosenza si immola liberando in angolo un cross basso che si poteva trasformare in un assist per Bocalon. C'è paura, la gara però resta gradevole. Lecce più pericoloso anche a inizio ripresa: ci provano a ripetizione Costa Ferreira, Giosa (palla a lato di testa), ma anche Pacilli e Torromino senza fortuna. Al 64' chance per Marras che di sinistro sfiora l'incrocio dei pali dopo un errore di Giosa. Altra palla gol giallorossa a 10 minuti dalla fine: Doumbia scatta sul filo del fuorigioco, ma Vannucchi si salva d'istinto e con i piedi sul destro a giro dell'attaccante (entrato al posto di Torromino). Bersaglio stregato al minuto 88: altro tiro, altra parata del numero uno di Pillon, migliore in campo nell'arco dei 90'.

I SUPPLEMENTARI - All'8' Marras tenta il colpo della domenica dalla distanza. Manca la mira: la palla si perde sopra la traversa. Ritmi bassi, complice la stanchezza. L'ansia di sbagliare c'è e si vede. I crampi prendono si prendono scena. Succede poco o nulla fino al 117', quando Mancosu spara una fucilata che si stampa contro la traversa. Due minuti dopo Nicco sfiora il palo con un rasoterra di destro. Si va ai rigori.

DAL DISCHETTO - Costa Ferreira sbaglia il primo rigore, Sestu l'ultimo dei cinque. Si va ad oltranza. Ciancio prende in pieno il palo nel momento della verità. Così, al secondo match ball, l'Alessandria non sbaglia: ci pensa Nicco (palo e rete) a eliminare il Lecce, applaudito dai propri supporters nonostante il triste epilogo.  

REGGIANA AVANTI - Sarà Alessandria-Reggiana una delle due semifinali. Gli emiliani hanno fatto fuori il Livorno dopo i tempi supplementari. Il 2-2 l'ha firmato Guidone: è stato lui a fare la differenza nell'extra time.  

Commenti