Ravenna, ecco Colucci: "Mancano fiducia e autostima, non la condizione"

Il nuovo tecnico: "Preoccupati? Bisogna esserlo, la preoccupazione ti fa arrrivare preparato agli esami. Se si perde dopo aver fatto la prestazione, con la stessa prestazione in futuro arriverà anche il risultato"

© LAPRESSE

RAVENNA - Dopo l'esonero del tecnico Magi, il Ravenna ha nominato Leonardo Colucci come suo successore sulla panchina giallorossa. Ecco le prime parole dell'ex centrocampista in conferenza stampa: “Sono felice di essere qui, non sono parole di circostanza. Ringrazio il club per avermi scelto, non sono uno di tante parole perché preferisco i fatti, garantisco tutto l'impegno possibile". I romagnoli non navigano in buone acque: "La squadra è in difficoltà e lo dicono i numeri, serve qualcosa in più da parte di ciascuno per cambiare registro. In campo bisogna dare tutto il cuore, io la penso così. La voglia di rientrare in gioco tanta, con il presidente e il ds Sabbadini ci siamo conosciuti negli anni e non ho avuto paura di dire di sì. Ovviamente serve essere preoccupati, la preoccupazione ti fa arrivare preparato agli esami". Colucci continua: "Ho seguito solo un allenamento ed ho visto alcune partite, ma non penso che ci sia ritardo di condizione fisica, mentre mancano fiducia ed autostima, venute evidentemente a meno dopo gli ultimi risultati. L’aspetto fisico e l’aspetto tattico vanno di pari passo, non credo nei richiami di preparazione, bisogna lavorare tutti i giorni valutando la condizione dei ragazzi. Non c’è una medicina per fare correre la squadra, serve lavorare, occupare gli spazi, capire come si vince. Se si perde dopo aver fatto la prestazione, con la stessa prestazione in futuro arriverà anche il risultato".

Commenti