Maradona, Mancini esclusivo: "L'ultima maglia di Diego"

Il ct rivela un commovente retroscena e racconta episodi inediti tra lui e il Pibe de Oro, il primo dei quali è datato 18 novembre 1990, Napoli-Samp 1-4, doppietta del Mancio
Maradona, Mancini esclusivo: "L'ultima maglia di Diego"
Alberto Dalla Palma
TagsMaradonaMancini

«Quando ho letto sul telefonino che Diego era morto, ho pensato subito a una fake news, come probabilmente tanti di noi. Poi ho visto quante notizie stavano arrivando da tutto il mondo e ho capito che era tutto vero. Incredulo e addolorato, mi sono messo davanti alla tv. Emozioni senza fi ne, sono tornato indietro nel tempo». Roberto Mancini oggi compie 56 anni, una festa amara e non solo perché il virus impedisce gli assembramenti e i gesti d’amore. «Ancora non mi rendo conto che Maradona non c’è più. Un Dio del calcio, un immortale, come Cassius Clay e Kobe Bryant».

18 novembre 1990, lei al San Paolo segnò un gol che solo Diego sapeva fare.
«Napoli-Samp 1-4, chi può dimenticare una partita del genere? Il Napoli doveva difendere lo scudetto, noi volevamo quel titolo. Una partita spettacolare, in cui segnai uno dei gol più belli della mia carriera, forse il più bello perché il coefficiente di difficoltà era elevatissimo».

Lancio di Lombardo dalla destra, semirovesciata al volo, quasi in controtempo.
«Colpisco il pallone al momento giusto, palo e gol: quel giorno ne feci un altro e poi la doppietta di Vialli, uno spettacolo riconosciuto anche da Diego».

In che senso? Le fece i complimenti?
«Venne negli spogliatoi, hai segnato un gol alla Maradona mi disse. Fece i complimenti a tutti perché era un campione vero, che sapeva riconoscere il valore degli avversari. Il Napoli aveva già capito che saremmo stati i rivali più tosti nella difesa del titolo».

Napoli, il tributo a Maradona all'interno dello stadio
Guarda la gallery
Napoli, il tributo a Maradona all'interno dello stadio

In effetti la Samp vinse lo scudetto nella primavera del ‘91.
«Sì, un anno speciale, tanto che battemmo il Napoli anche a Genova, nel ritorno»

24 marzo 1991, stesso risultato del San Paolo: 4-1 per voi.
«Non dimenticherò mai un giorno così emozionante, soprattutto adesso. Anche quella domenica Maradona venne negli spogliatoi, non avevo segnato ma mi regalò la sua maglia. L’ultima del Napoli. Era rossa, scrisse subito la dedica per mio fi glio Filippo, la conservo ancora con orgoglio e passione. Diego resta sempre Diego. Dopo quella partita scappò via e non tornò più».

Leggi l'intervista completa sul Corriere dello Sport-Stadio

Maradona, l'omaggio dei tifosi del Napoli: fumogeni e cori per Diego
Guarda il video
Maradona, l'omaggio dei tifosi del Napoli: fumogeni e cori per Diego

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti