Tacconi: "Che onore giocare contro Maradona"

L'ex portiere di Juve e Genoa: "Diego ha avuto grande rispetto per me e lo ringrazierò sempre. Sto preparando un quadro per lui"
Tacconi: "Che onore giocare contro Maradona"© ANSA

NAPOLI - "È stato un onore per me giocare contro Maradona. Lui ha sempre avuto grande rispetto e lo ringrazierò per tutta la vita". Parola di Stefano Tacconi, ex portiere, tra le altre, di Juve e Genoa, ai microfoni di Radio Marte. "Sto preparando un quadro con una foto insieme a Maradona, vorrei dedicarglielo - ha spiegato -. È un regalo per la popolarità che mi ha dato Diego, è il minimo che si possa fare".

Napoli, da Insigne a Koulibaly e Fabian Ruiz: il 4-0 alla Roma è per Maradona
Guarda la gallery
Napoli, da Insigne a Koulibaly e Fabian Ruiz: il 4-0 alla Roma è per Maradona

Tacconi è poi tornato sul famosissimo gol subito da Maradona con una punizione che ha quasi sfidato le leggi della fisica: "Ne abbiamo approfittato tutti, per me è il secondo gol del secolo. Napoli-Roma? Ho visto e non comprendo questo calcio con gli stadi vuoti, spesso è tutto di una noia assoluta. Parare la punizione di Insigne (quella con cui ha firmato l'1-0 ai giallorossi, ndr)? Di solito quando il portiere prende gol è un pirla, ma Insigne è stato bravo ed ha un buon piede. Bisognerebbe capire se il portiere ha visto partire la palla o meno". La chiosa di Tacconi è sulle partite giocate al San Paolo, prossimo stadio Diego Armando Maradona, contro il Napoli: "Avevo 60.000 spettatori che mi davano del cornuto, ne ho prese davvero di tutti i colori. Appena il quadro sarà finito verrò ai Quartieri Spagnoli" ha promesso.

Bruno Conti, corona di fiori per Maradona ai Quartieri Spagnoli
Guarda il video
Bruno Conti, corona di fiori per Maradona ai Quartieri Spagnoli

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti