Mondiali 2018, conta anche il fair play: ecco perché fa festa il Giappone

Stessi punti e stessa differenza reti del Senegal, ma gli asiatici passano come secondi grazie alla migliore condotta: hanno ottenuto meno cartellini gialli!
Mondiali 2018, conta anche il fair play: ecco perché fa festa il Giappone© EPA
1 min

ROMA -  È il fair play a determinare l'accesso agli ottavi dei mondiali di Russia del Giappone. Nonostante la sconfitta per 1-0 con la Polonia, la squadra asiatica a parità di punti e differenza reti con il Senegal, passa per il minor numero di cartellini gialli collezionati durante la fase a gironi del torneo. Quattro per i ‘Samurai’, sei per gli africani. Ai Mondiali conta anche la condotta.

Polonia-Giappone, segna Bednarek ma a fare festa sono i samurai
Guarda la gallery
Polonia-Giappone, segna Bednarek ma a fare festa sono i samurai


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti