Solo Pelé e Rosas più precoci di Gavi

Il meglio e il peggio del Mondiale, giornata dopo giornata, fino al termine dei gironi di qualificazione. Si tratta di un commento... pagellato con queste voci: il miglior giocatore, il peggiore, il ct, la sorpresa, la delusione
Solo Pelé e Rosas più precoci di Gavi© Getty Images
4 min
Alberto Polverosi
TagsMondialigavipelé

Il meglio e il peggio del Mondiale, giornata dopo giornata, fino al termine dei gironi di qualificazione. Si tratta di un commento... pagellato con queste voci: il miglior giocatore, il peggiore, il ct, la sorpresa, la delusione.

Il miglior giocatore

Se nel calcio esiste la perfezione, si può prendere come riferimento la partita di Gavi, 18 anni e 110 giorni, assist-capolavoro e gol-capolavoro contro la Costa Rica, ma soprattutto 103 minuti (in Qatar bisogna contare anche il recupero) senza un errore. Come sia possibile, a quell’età, è difficile saperlo. Non è Mbappé, che segna come un tornado, non è Haaland, che segna come un tuono, Gavi non è il gol (anche se sa come si fa), più semplicemente è il calcio. Ti riempie gli occhi con il calcio. Come pura statistica si può riportare questo dato: soltanto Pelé nel ‘58 (a 17 anni e 239 giorni) e Manuel Rosas nel ‘30 (a 18 anni e 93 giorni) erano più giovani di lui quando hanno segnato un gol nei Mondiali.

Da Holly e Benji a "sono giapponese": le ironie dei social dopo Germania-Giappone
Guarda la gallery
Da Holly e Benji a "sono giapponese": le ironie dei social dopo Germania-Giappone

Il peggiore

Nico Schlotterbeck ha 22 anni, gioca difensore nel Borussia Dortmund, Flick lo ha portato al Mondiale e lo ha fatto debuttare. È stato uno degli errori del ct tedesco, il principale se si considerano i gol. Quello di Asano, il 2-1 giapponese, è stato favorito dalla sua traballante corsa verso una marcatura sbagliata. Fra i più famosi, bruttissima partita (anzi, mezza partita vista la sostituzione all’intervallo) per il belga Carrasco.

Il ct

Il titolo di questa giornata va diviso fra il giapponese Hajime Moriyasu e lo spagnolo Luis Enrique. Il ct del Giappone iscrive il suo nome nella storia di questo Mondiale per la rimonta sulla Germania. Conosce bene i suoi giocatori, quando ha deciso di entrare in partita con i cambi, l’ha ripresa e l’ha vinta anche con mosse sorprendenti. Il ct della Spagna ha puntato decisamente sulla qualità e la risposta della sua squadra è stata sensazionale: 7 gol alla Costa Rica in una partita senza storia, dominio totale dall’inizio alla fine.

La Spagna travolge il Costa Rica. La Danimarca minaccia la Fifa
Guarda il video
La Spagna travolge il Costa Rica. La Danimarca minaccia la Fifa

La sorpresa

Ovviamente il Giappone. Ha ribaltato la Germania con le sostituzioni, segno che la qualità non manca a questa nazionale. Domenica, contro la Costa Rica, potrebbe addirittura qualificarsi agli ottavi con un turno d’anticipo. È una nazionale spesso sottovalutata, invece non va dimenticato che la sua crescita è iniziata da tempo, dal secondo decennio del 2000 con Zaccheroni in panchina, quando ha vinto la Coppa d’Asia e la Coppa dell’Asia Orientale.

La delusione

Ovviamente la Germania. Quanto è successo ieri ai tedeschi e in parte ai croati vice campioni del mondo contro il Marocco e l’altro giorno agli argentini contro l’Arabia può sembrare una consolazione per noi che abbiamo conosciuto la Bulgaria nel girone di qualificazione e la Macedonia negli spareggi. Invece dovremmo capire tutti quanti che le distanze sono sempre più ridotte (ha sofferto non poco anche il Belgio di De Bruyne contro il Canada), che i ct delle piccole studiano e si aggiornano e che in questo Mondiale di metà stagione incide molto la forza fisica. Detto tutto questo, la Germania resta la grande delusione della terza giornata di Qatar 2022.


Commenti