Inter-Atalanta, Rocchi e Irrati flop: Lautaro da rigore e rosso

Errore clamoroso sul fallo che l'attaccante nerazzurro ha commesso su Toloi
Inter-Atalanta, Rocchi e Irrati flop: Lautaro da rigore e rosso© EPA
Edmondo Pinna
TagsInteratalanta

La nemesi di questa categoria, dell’AIA che non ha costruito arbitri per il futuro, mortificando quelli del presente, se è vero che i due migliori nei rispettivi ruoli (Rocchi in campo, che la Uefa avrebbe portato volentieri a Euro2020 e in Champions nella fase finale, e Irrati al VAR, appena un anno e mezzo fa era il capo del VOR di Mosca ai Mondiali) ieri sera ne hanno combinata una grossa così, in una direzione per il resto di livello. Diciamola tutta: Rocchi, saputo che non avrebbe avuto la deroga, s’è spento (difficile trovare motivazioni) e Irrati, trattato sempre con mediocrità in campo, ha finito per perdere anche la sua peculiarità migliore. Tutto gira sull’episodio al 40’ del primo tempo, rigore dal campo e al monitor di più, Lautaro avrebbe trovato il rosso per fallo su chiara occasione da gol, incredibile come nessuno abbia saputo mettere una pezza, con tutti gli strumenti che ci sono.

Inter-Atalanta 1-1: Gosens risponde a Lautaro, Handanovic salva su Muriel

Atalanta, rigore negato contro l'Inter: fallo di Lautaro su Toloi
Guarda la gallery
Atalanta, rigore negato contro l'Inter: fallo di Lautaro su Toloi

Rigore e rosso

Dunque, Toloi ha l’occasione della vita, a tu per tu con Handanovic, ma finisce per colpire il pallone in maniera incredibile. Possibile? Si, perché i replay mostrano come Lautaro, alla disperata, cadendo, gli sia franato sulla gamba destra con il gomito, braccio sinistro e con la destra gli abbia agguantato la gamba da sotto. Tutto questo Rocchi non avrebbe potuto vederlo neanche fosse Mandrake (ma un arbitro della sua esperienza il dubbio deve farselo venire), ma Irrati al VAR sì e avrebbe dovuto trascinarci il collega davanti al monitor.

Rigore all'Atalanta, tutto regolare

Ci sta il rigore dato all’Atalanta: Bastoni tampona Malinovskyj da dietro senza possibilità di prendere il pallone, con un movimento soprattutto sull’uomo che gli stava sfilando via. Da verificare la posizione di Godin, che va sul pallone respinto da Handanovic e lo spazza via: l’uruguayano sembra già dentro al momento del tiro, quello che Rizzoli aveva detto al presidente del Lecce Sticchi Damiani già non vale più?

Conte: "Perdere continuamente giocatori non è facile"
Guarda il video
Conte: "Perdere continuamente giocatori non è facile"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti