Liguori senza bavaglio: «Juventus potere intimidatorio, arbitri potere persecutorio. Il Napoli poteva essere a un punto»

Il direttore di TgCom24 si era imbavagliato in diretta tv con Mario Giordano: «Mi toglierò il bavaglio quando me lo chiederà Andrea Agnelli e mi dirà che non rischio nulla»
Liguori senza bavaglio: «Juventus potere intimidatorio, arbitri potere persecutorio. Il Napoli poteva essere a un punto»
Davide Palliggiano

ROMA – Il bavaglio non lo toglie, Paolo Liguori. Ma qualcosa filtra, sulla bocca non sono mica punti di sutura. Le polemiche sul mondo arbitrale e in particolare sulla direzione di Nicola Rizzoli nell’ultimo derby di Torino non si placano. Perché l’attenzione deve rimanere alta secondo il direttore di TgCom24, imbavagliatosi in diretta due giorni fa con il direttore del Tg4, Mario Giordano.  Durante il collegamento è intervenuto anche il nostro direttore editoriale, Xavier Jacobelli.

Torino-Juventus: il gol regolare di Maxi Lopez annullato ai granata
Guarda la gallery
Torino-Juventus: il gol regolare di Maxi Lopez annullato ai granata

Il bavaglio c’è ancora, Direttore.

“Certo, perché se attacchi gli arbitri, poi ti querelano. Vorrei parlare di quell’arbitro lì, ma non posso. Vorrei parlare anche di altri, ma poi Nicchi minaccia di querelarmi. Ma chi si crede di essere? Un giudice di Cassazione? Nessuno gli fa notare queste cose, nessuno gli fa notare che il presidente dell’Aia non può minacciare querele”.

NICCHI E RIZZOLI QUERELANO LIGUORI

Le ha dato fastidio qualche altro episodio in particolare?

“Faccio un esempio: critico l’arbitraggio della partita con il Bayern e chi mi risponde? La Juve, non il Bayern. Così funziona qui: i bianconeri hanno un potere intimidatorio, gli arbitri persecutorio”.

Allora da questo bavaglio qualcosa filtra.

“Ma perché non si può parlare di Juve? Io non perseguito gli juventini”.

Un italiano su tre tifa Juve, però. E la Juve è in testa al campionato. E’ normale che le sue parole facciano rumore.

“Ma ci sono anche due italiani su tre che non tifano Juve. Ripeto, io non perseguito gli juventini e voglio che non vengano perseguitati gli altri. Perché di questo si tratta”.

E allora quando lo toglierà il bavaglio?

“Quando me lo chiederà Andrea Agnelli, quando  “Il Piccolo Principe” mi dirà che non rischio nulla”.

Al netto del discorso arbitrale, quali sono le percentuali per lo scudetto?

“Se tralasciamo il discorso arbitrale, la Juve è favorita perché ha tre punti di vantaggio sul Napoli. Se non lo tralasciamo, il vantaggio poteva essere di un solo punto. La matematica, però, non si sposa con l’opinione”.

Il fratello di Higuain attacca Rizzoli
Guarda il video
Il fratello di Higuain attacca Rizzoli

Serie A, i migliori video

Commenti