Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Serie A: Sampdoria-Lazio 2-1, Atalanta-Chievo 1-0, Bologna-Genoa 2-0, Torino-Sassuolo 1-3

Serie A: Sampdoria-Lazio 2-1, Atalanta-Chievo 1-0, Bologna-Genoa 2-0, Torino-Sassuolo 1-3
© ANSA

Candreva sbaglia un rigore e Diakité condanna Inzaghi alla seconda sconfitta consecutiva. Nessun problema per Donadoni e Di Francesco. Borriello-gol non si ferma più

Sullo stesso argomento

 

domenica 24 aprile 2016 15:37

ROMA - Seconda sconfitta consecutiva per la nuova Lazio di Inzaghi. La Samp trionfa 2-1 con le reti di Fernando e Diakité: errore dal dischetto da parte di Candreva sul finale del primo tempo. I tre punti sfumano anche per i granata di Ventura, da quest’oggi protagonisti all’Olimpico Grande Torino: il Sassuolo vince in trasferta 3-1. Nessun problema per il Bologna (2-0 sul Genoa, Giaccherini-Floccari) mentre Borriello va in gol per la terza giornata di fila, regalando la vittoria all’Atalanta (1-0 contro il Chievo).

CLASSIFICA SERIE A

SAMPDORIA-LAZIO 2-1: L’undici di Inzaghi sblocca la gara già dopo tre minuti di gioco con il colpo di testa del suo centravanti, Djordjevic, bravissimo nell’anticipare Silvestre e a battere Viviano. La Samp salva il possibile raddoppio di Keita e al 20’ pareggia i conti con Fernando, giunto al quarto gol in campionato. La punizione calciata da Muriel sfiora il palo, poi alla mezz’ora Candreva viene ammonito per proteste dopo un contatto con Cassani nell’area di rigore avversaria. Stesso provvedimento, poco dopo, per Keita: secondo Rizzoli l’attaccante si lascia cadere ed è simulazione. È ancora lui a essere protagonista, in questo caso è la mano di Viviano a non permettere il possibile 2-1 Lazio. Sul finire del primo tempo il portiere doriano respinge un rigore a Candreva. Marchetti, nella ripresa, compie il doppio miracolo su Quagliarella e Muriel. Poi i due allenatori optano per gli ingressi di Felipe Anderson e Correa. Djordjevic manca l’impatto con il pallone sul delizioso assist di Keita e al 78’ arriva il 2-1 per la Samp dopo una confusionaria azione di gioco. La rete è di Diakité (gol dell’ex) ed è convalidata con l’ausilio della tecnologia dopo il bell’intervento di Marchetti sul colpo di testa di Silvestre. Biglia sfiora il 2-2 in pieno recupero, ma Viviano devia in corner la punizione dell’argentino.

ATALANTA-CHIEVO 1-0: La prima vera occasione è di Birsa, il calcio di punizione dello sloveno termina di poco al lato del palo. Quella più clamorosa porta la firma di Toloi, a salvare tutto è Bizzarri. Sfortunata la formazioni di Reja, costretta già nei primi 45 minuti al doppio cambio: prima Paletta e poi Stendardo, che poco prima era entrato per rimpiazzare l’ex centrale del Parma. Chi la sblocca, se non Marco Borriello? Il centravanti atalantino è un fattore in quest’ultima parte di stagione e al 55’ porta in vantaggio la squadra di Reja dopo una straordinaria conclusione di Diamanti che tocca la traversa. I nerazzurri sono costretti a giocare in inferiorità numerica dal 74’ per il rosso a Gomez e per poco il Chievo non trova l’1-1 con Radovanovic.

BOLOGNA-GENOA 2-0: Giaccherini porta in vantaggio la formazione di Donadoni all’11’ con un bel piazzato che non lascia scampo a Lamanna. Pochissimi i momenti chiave nella prima frazione di gioco, da segnalare (al 39’) la chance di Pavoletti che si fa ipnotizzare da Mirante e non riesce a siglare la rete del possibile pareggio. Rizzo si rende pericoloso, poi al 60’ è costretto a lasciare il posto a Zuniga per un problema fisico. Il raddoppio del Bologna è davvero curioso. Ansaldi spazza, ma il suo rinvio colpisce Floccari e Lamanna non può nulla (64’).

TORINO-SASSUOLO 1-3: È la prima gara dei granata dopo il cambio di nome dello stadio, da oggi si gioca all’Olimpico Grande Torino. A gelare l’entusiasmo dei ragazzi di Ventura è Sansone che sblocca il risultato dopo 2 minuti. Il parziale dura poco perché al 6’ è già 1-1: un bel tiro dal limite da parte di Bruno Peres trafigge Consigli. Uno dei più pericolosi è Martinez, prima con un colpo di testa e poi con una clamorosa traversa che per un soffio non gli regala il secondo gol consecutivo dopo quello alla Roma. Ma il primo gol in campionato di Peluso (colpo di testa al 75’) e il primo in Serie A di Trotta (al 94’) regalano al Sassuolo il 3-1 e la vittoria. 

Articoli correlati

Commenti