Melandri, ecco cosa blocca il calcio italiano

Approvata nel 2008, la legge che porta la firma dell'ex ministro dello sport fa discutere da sempre

© ANSA

ROMA - Si parla di diritti tv, nella legge Melandri-Gentiloni del 2008, quella più volte indicata da Aurelio De Laurentiis come la principale responsabile del declino - o meglio della mancata crescita - del calcio italiano. Ma di cosa parla? Proviamo a riassumerla nei suoi punti principali.

CONTITOLARITÀ DEI DIRITTI - Dalla titolarità soggettiva (in capo alle singole società), si è passato alla contitolarità tra la Lega Calcio, su mandato della Figc, e le società.

DIRITTO DI UTILIZZAZIONE ECONOMICA - Attribuito alla Lega, offre i diritti a tutti gli operatori su tutte le piattaforme attraverso distinte procedure competitive (pacchetti) approvate dall'Autorità per le Comunicazioni e dall'Antitrust.

OFFERTA E PACCHETTI - La Lega può attuare più gare per l'assegnazione dei diritti sulle diverse piattaforme. Deve predisporre pacchetti equilibrati tra loro che non potranno essere tutti acquisiti da un singolo operatore.

L'ASSEGNAZIONE - È vietato acquisire in esclusiva tutti i pacchetti relativi alle dirette. I contratti di licenza durano al massimo tre anni.

MUTUALITÀ - Una quota delle risorse viene destinata a sviluppare i settori giovanili, a valorizzare le categorie dilettantistiche, a sostenere la sicurezza degli stadi e a finanziare ogni anno almeno due progetti di particolare rilievo sociale a sostegno di sport diversi dal calcio.

RIPARTIZIONE DELLE RISORSE - Come vengono ridistribuiti i proventi? Il 40% in parti uguali tra tutti i club di Serie A, il 30% sulla base dei risultati sportivi conseguiti e il restante 30% in base al bacino d'utenza. Del 30% relativo al il risultato sportivo il 10% è determinato in base ai risultati conseguiti dalla stagione 1946/1947, il 15% in base ai risultati delle ultime 5 stagioni e il 5% in base all'esito dell'ultimo campionato. Del 30% relativo al bacino d'utenza, il 25% è determinato in base al numero di sostenitori di ogni squadra e il 5% in base alla popolazione del comune di residenza del club.

DE LAURENTIIS: LOTTI, CANCELLA LA MELANDRI

De Laurentiis è un film: «Lotti, per il bene del calcio cancella la Melandri»
Guarda il video
De Laurentiis è un film: «Lotti, per il bene del calcio cancella la Melandri»

Commenti