Serie A
0

La Coppa Italia rischia di saltare. Calendario, ecco le ipotesi

Vertice a Nyon con tutte le 55 federazioni: l’imperativo è di portare a termine la stagione. Giugno è il periodo fissato per la ripartenza, possibili 4 gare a settimana

La Coppa Italia rischia di saltare. Calendario, ecco le ipotesi
© LAPRESSE

Scudetto a luglio, con Champions League ed Europa League assegnate ad agosto. Ovvio che tutto dipende dal fatto che il coronavirus allenti la sua presa e che ci siano le condizioni sanitarie per scendere in campo. Nel frattempo, però, l’Uefa si è riunita con tutte le 55 Federazioni del Vecchio Continente e ha fissato un doppio scenario per come finire la stagione. Tanto più che da nessun Paese è stata sollevata l’eventualità di non riprendere più: per tutti, l’imperativo è andare in fondo a ogni costo. E allora si proverà a procedere in questo modo, fissando l’orizzonte temporale per la ripartenza a giugno. Nel caso si facesse in tempo già per i primi del mese, allora le Coppe procederebbero in contemporanea ai campionati. Altrimenti, davanti alla necessità di slittare alla seconda metà di giugno, prima verrebbero completati i tornei nazionali e poi si passerebbe a Champions ed Europa League. A seconda di quale scenario si dovesse concretizzare, evidentemente, cambierebbe l’inizio della nuova stagione. L’ipotesi più ottimistica prevede il via per inizio settembre, quella meno per la metà-fine sempre di settembre. La partenza delle Coppe, invece, sarebbe comunque fissata per ottobre. Ieri si è anche parlato di un mercato estivo breve, quindi da incastrare. Ma sul tavolo resta comunque la fi nestra extra-large (fi no a novembre o dicembre), proposta dalla Fifa.

La Coppa Italia rischia di saltare

Tour de force

Anche solo per il fatto che le condizioni della pandemia di ogni Paese sono differenti, il secondo scenario è quello più plausibile ed è anche quello che richiederà un vero e proprio tour de force. Tanto più che, a oggi, l’Uefa non prende in considerazione l’eventualità di utilizzare una formula ridotta per completare Champions ed Europa League. Anzi, non viene scartata la necessità di dovere programmare fino a 4 gare a settimana. Intanto, come previsto l’organismo europeo ha liberato la “finestra” di giugno riservata alle nazionali. Le partite verranno recuperate nella prossima stagione: se ne giocheranno 3 invece di 2 nelle soste di settembre, ottobre e marzo. Per quanto riguarda le Coppe nazionali, invece, l’Uefa ha lasciato ampia libertà alle Federazioni. Nel senso che il trofeo potrà essere assegnato o meno, ma comunque nessuno perderà i posti che spettano in Europa League. Quindi, prendendo come esempio la serie A, oltre alla quinta e la sesta classificata, accederebbe alla competizione la settima.

Leggi l'articolo completo sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Tutte le notizie di Serie A

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Squadra PT Squadra PT
Juve 63 Sassuolo 32
Lazio 62 Cagliari 32
Inter 54 Fiorentina 30
Atalanta 48 Udinese 28
Roma 45 Torino 27
Napoli 39 Sampdoria 26
Milan 36 Genoa 25
Verona 35 Lecce 25
Parma 35 Spal 18
Bologna 34 Brescia 16
SERIE A - 26° GIORNATA
SABATO 29 FEBBRAIO 2020
Lazio - Bologna 2 - 0
Napoli - Torino 2 - 1
DOMENICA 01 MARZO 2020
Lecce - Atalanta 2 - 7
Cagliari - Roma 3 - 4
DOMENICA 08 MARZO 2020
Parma - Spal 0 - 1
Milan - Genoa 1 - 2
Sampdoria - Verona 2 - 1
Udinese - Fiorentina 0 - 0
Juve - Inter 2 - 0
LUNEDÌ 09 MARZO 2020
Sassuolo - Brescia 3 - 0

Calciomercato in Diretta