Pieri, che gaffe su Milan-Inter. Poi arrivano le scuse

L'ex arbitro: "Conte ha usato un slot in più per le sostituzioni". Poi torna sui suoi passi e ammette l'errore
Pieri, che gaffe su Milan-Inter. Poi arrivano le scuse
TagsPieriMilan-Inter

L'Inter batte il Milan 3-0 e si prende il derby numero 174 allungando sui cugini e portandosi a +4 classifica. Un 3-0 netto, frutto della doppietta di Lautaro Martinez e del sigillo finale di Romelu Lukaku. L'ex arbitro Piero, però, durante la trasmissione La Giostra del Gol su Rai Italia aveva ipotizzato la sconfitta a tavolino della squadra di Antonio Conte, spiegando anche il motivo.

La festa dell'Inter dopo il derby, che esultanza per i nerazzurri!
Guarda la gallery
La festa dell'Inter dopo il derby, che esultanza per i nerazzurri!

Milan-Inter, la gaffe di Pieri. Poi le scuse

"Molto probabilmente l'Inter ha fatto un errore, ha usato una finestra in più per i cambi. Non vorrei sbagliare. Al 78° è entrato Darmian insieme a Gagliardini. Primo slot. Al 79° è entrato Sanchez, secondo slot. Poi è entrato Young, terzo slot. Il quinto cambio, Vidal, l'ha fatto con il quarto slot che non è ammesso. Quindi potrebbe perdere la partita a tavolino". Accortosi della gaffe commessa, però, l'ex fischietto di Genova si è corretto sia in trasmissione sia sui social. "Oggi pomeriggio durante la trasmissione "La Giostra del Gol" ho letto un tabellino che riportava i minuti dei cambi dell'Inter -  scrive su Twitter -. Il tabellino era sbagliato e l'ho precisato pochissimi minuti dopo durante la stessa trasmissione. Mi scuso per l'errore".

Conte: “La vittoria più bella all'Inter? Mi auguro debba ancora arrivare”

L'Inter domina il derby e vola
Guarda il video
L'Inter domina il derby e vola

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti