Lazio-Inter 3-1: Inzaghi ancora ko all'Olimpico, notte in vetta per Sarri

Non basta il momentaneo pari di Lautaro al tecnico nerazzurro, che esce nuovamente sconfitto dal 'suo' stadio: tris biancoceleste con Felipe Anderson, una magia di Luis Alberto e gol di Pedro
Lazio-Inter 3-1: Inzaghi ancora ko all'Olimpico, notte in vetta per Sarri© LAPRESSE
9 min
TagsLazioInterolimpico

ROMA - Incubo Lazio per Simone Inzaghi, che come l'anno scorso esce sconfitto con la sua Inter da quell'Olimpico che per anni è stato casa sua. Dopo due vittorie arriva così nell'anticipo della terza giornata il primo ko in campionato dei nerazzurri, sconfitti anche questa volta per 3-1 e puniti dal gol di Felipe Anderson e dagli acuti dei due spagnoli Luis Alberto e Pedro, entrati nella ripresa. Recupero fondamentale per Maurizio Sarri (decisivi i suoi cambi) quello del 'Mago' - che dopo aver faticato a (ri)prendersi la Lazio in pochi minuti ha fatto esplodere la Curva Nord con un destro all'incrocio da favola - ma anche quello dell'esperto attaccante, che ha fornito l'assist al connazionale e calato poi il tris nel finale, pronto ora a dare il suo contributo dopo l'infortunio di inizio stagione. Con questo successo i biancocelesti scavalcano intanto l'Inter e in attesa delle rivali salgono così momentaneamente in vetta alla classifica.

Lazio-Inter 3-1: statistiche e tabellino

Le 'mosse' dei tecnici

Nella Lazio c'è Lazzari, febbricitante alla vigilia ma al suo posto sulla destra, con Marusic a sinistra della coppia Patric-Romagnoli schierata a difesa di Provedel, mentre Cataldi viene ancora preferito a Marcos Antonio in regia e Vecino vince di nuovo il ballottaggio con Basic e Luis Alberto (terza panchina su tre per il Mago). Immutato rispetto al match pareggiato in casa del Toro anche l'attacco: intoccabile Immobile, affiancato da Felipe Anderson e Zaccagni, con Pedro pronto a entrare a gara in corso. Sull'altro fronte una sola novità nell'Inter reduce dal successo sullo Spezia: in mediana Calhanoglu lascia il posto da titolare a Gagliardini, scelto da Simone Inzaghi per arginare Milinkovic-Savic mentre Dimarco ha ancora la meglio su Gosens sulla fascia sinistra (dall'altra parte sempre Dumfries) e davanti fanno 'coppia fissa' Lukaku e Lautaro. 'Titolarissimi' Brozovic e Barella, davanti ad Handanovic viene confermato il trio difensivo formato da Skriniar, dall'ex di turno De Vrij (fischiato dai tifosi laziali) e da Bastoni.

Show Lazio all'Olimpico: Anderson, Luis Alberto e Pedro stendono l'Inter
Guarda la gallery
Show Lazio all'Olimpico: Anderson, Luis Alberto e Pedro stendono l'Inter

'Spunta' Felipe Anderson

Feroce l'avvio dei nerazzurri, che nei primi minuti provano a sorprendere i padroni di casa schiacciandoli nella propria metà campo: Dumfries già al 4' testa i riflessi di Provedel, attento anche poco dopo sulla deviazione in area di Gagliardini (su cross dell'olandese). Romagnoli e compagni reggono l'urto e iniziano a ripartire: al 14' è un efficace pressing di Immobile ad azionare il contropiede, sprecato però da Milinkovic che non dosa a dovere l'ultimo passaggio per Zaccagni. È una scossa per la Lazio che un minuto dopo sfiora il gol: Zaccagni premia la sovrapposizione di Marusic, scarico per Immobile e sinistro di prima a fil di palo per il centravanti azzurro. Dalla parte di Dumfries non sono comunque finiti i pericoli per i biancocelesti, ma Patric è ben posizionato e si rifugia in corner sul cross dell'esterno nerazzurro, azionato da Lukaku che poi conclude alto di testa sugli sviluppi dell'angolo (18'). La squadra di Sarri ha preso fiducia ed è ora l'Inter ad affidarsi alla ripartenza con Lautaro che cerca però un'improbabile conclusione dai 60 metri: palla lontanissima dai pali e fischi dalla Curva Nord (23'). Barella intanto rischia il giallo per fermare uno Zaccagni sempre più 'in partita' e pericoloso dal limite: decisiva la deviazione in corner di Skriniar (34'). Troppo centrale sull'altro fronte il colpo di testa di Lukaku (38') e quando il riposo sembra ormai alle porte la gara si infiamma, con Milinkovic e Felipe Anderson che si scambiano i ruoli e confezionano il vantaggio della Lazio al 40': il serbo, defilatosi a sinistra per liberarsi dalla marcatura di Gagliardini, lancia lungo per il brasiliano che prende alle spalle Bastoni e Dimarco per superare infine Handonovic di testa. L'Inter reagisce di rabbia e chiede il rigore per un contatto in area biancoceleste tra Zaccagni e Dumfries, ma l'azione è viziata da un fuorigioco precedente di Lukaku e dopo il check del Var si riprende a giocare fino al duplice fischio del ravennate Fabbri.

Serie A, risultati e calendario

Il 'Toro' non sbaglia

Dagli spogliatoi rientrano in campo gli stessi ventidue, ci si aspetterebbe un'Inter 'arrabbiata' ed è invece la Lazio a sfiorare subito il raddoppio: magia di Milinkovic a innescare Lazzari, verticalizzazione per Immobile che con il destro mira il primo palo, dove Handanovic non si fa però sorprendere. Il pericolo scampato sveglia i nerazzurri che si accendono all'improvviso e trovano il pareggio (51'): punizione calciata da Dimarco, la palla si impenna e di testa Dumfries la spedisce a Lautaro, che tutto solo davanti a Provedel non sbaglia e fa 1-1. I padroni di casa accusano il colpo e rischiano ancora un minuto dopo: cross dalla sinistra di Dimarco e colpo di testa di Dumfries, lasciato tutto solo sul secondo palo e fermato da un intervento super di Provedel. Sarri non è contento e richiama in panchina Vecino e l'ammonito Zaccagni per affidarsi alla qualità di Luis Alberto e Pedro (57'), che pesca subito in area Milinkovic troppo generoso nel cercare invano lo scarico per Immobile invece di calciare. I ritmi sono intensi e i capovolgimenti di fronte continui, ma è ancora su calcio da fermo che l'Inter si rende pericolosa: pennellata del solito Dimarco e girata con la testa di Skriniar, troppo debole per impensierire Provedel. 

Serie A, la classifica

"Inzaghi, spiaze": social scatenati dopo Lazio-Inter
Guarda la gallery
"Inzaghi, spiaze": social scatenati dopo Lazio-Inter

Doppietta spagnola

Bisogna invece aspettare il 69' per le prime mosse di Inzaghi: tripla sostituzione con Dzeko, Darmian e Gosens dentro al posto di Lukaku, Dumfries e Dimarco, mentre nella Lazio lo stremato Lazzari lascia il posto a Hysaj (71') che si piazza a sinistra (con il 'trasloco' a destra di Marusic). Ad essere premiato dai cambi è Sarri, perché al 75' la Lazio è di nuovo avanti grazie a due dei suoi spagnoli: Pedro 'vede' al limite Luis Alberto e il Mago sfodera dal cilindro un destro all'incrocio che fa esplodere la Nord, dove il numero 10 corre per esultare con i suoi tifosi. L'Inter deve rincorrere di nuovo e si affida a Calhanoglu e all'ex laziale Correa (fuori Barella e Gagliardini al 79') per passare al 4-2-3-1, mentre dall'altra parte Cataldi chiede il cambio (83') per fare spazio a Marcos Antonio e si prende gli applausi dell'Olimpico insieme a Felipe Anderson (sostituito da Cancellieri). Il nuovo assetto dovrebbe dare più spinta offensiva ai nerazzurri che invece perdono le distanze e nel finale incassano anche il terzo gol, segnato da Pedro che rientra sul destro liberandosi di De Vrij e infila la palla all'angolino (86'). Nel recupero Handanovic nega la rete a Immobile e finisce 3-1: come l'anno scorso sono i tifosi della Lazio a festeggiare di fronte all'Inter del grande ex Simone Inzaghi.

Sarri carica la Lazio: "Possiamo vincere con chiunque". E su Luis Alberto...

Inzaghi: "Sconfitta che pesa, il primo gol subito è inaccettabile"


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Serie A, i migliori video

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti