Atalanta, Gasperini: "Puntiamo al 2° posto. Hateboer convocato"

L'allenatore: "Preferisco parlare dei punti fatti, non di quelli persi. Anche Ilicic deve dare di più"
Atalanta, Gasperini: "Puntiamo al 2° posto. Hateboer convocato"© ANSA

BERGAMO - L'allenatore dell'Atalanta, Giampiero Gasperini, in vista della sfida casalinga con il Bologna, ha analizzato la situazione dei suoi ragazzi e l'ultima gara giocata in casa della Roma: "Parliamo dei 65 punti che abbiamo fatto e non dei sei persi fino a questo momento. Questi discorsi possono essere fatti per tutte le squadre. Sono dei temi su cui possiamo essere soddisfatti. Siamo usciti con due ottime prestazioni, con la Juve abbiamo raccolto di più, con la Roma un po' di meno, ma siamo molto soddisfatti. Adesso mancano sei giornate, dobbiamo puntare al secondo posto. Se vinciamo gli altri non possono raggiungerci, dobbiamo farlo per toglierci tutte le preoccupazioni. Non so se ci riusciremo, ma è nelle nostre corde. L'anno scorso lo abbiamo mancato all'ultima partita, questo passa attraverso sei gare. Se la matematica non è un'opinione riusciremo a raggiungerlo".

Cristante boom! La Roma riprende l’Atalanta con un gran gol
Guarda la gallery
Cristante boom! La Roma riprende l’Atalanta con un gran gol

"Anche Ilicic deve dare di più"

Si è fermato, poi, ad analizzare i dati offensivi: "Siamo il miglior attacco, facciamo tanti gol. Certo, gli attaccanti, a partire da Ilicic o Muriel, devono cambiare marcia. Malinovskyi è quello più determinante, ma se tutti riusciranno ad essere prolifici potremo raggiungere l'obiettivo. Sfidiamo un'ottima squadra, che gioca in maniera offensiva. Se vuoi stare ad alti livelli devi riuscire a superare questi ostacoli. Il gol di Cristante è stato un episodio, un tiro dalla distanza su cui Gollini è partito in ritardo. Quel gol lì ha dato fiducia alla Roma, ci sono stati quindici minuti difficili. È stata un'ottima gara, pesano gli episodi e l'espulsione, ma se da queste partite tiriamo fuori solo le cose negative è una motivazione un po' debole. Siamo stati un po' meno bravi nello scalare davanti dove avevamo inferiorità numerica. Forse potevamo reggere anche in dieci, abbiamo creato qualcosa anche noi. La svolta vera è stata prima, dovevamo chiuderla".

Barrow, Hateboer, il finale di campionato

E' passato, poi, a parlare dell'ex di giornata Barrow, di Hateboer, dell'immediato futuro e del finale di stagione: "Non ho sentito l'intervista di Barrow, siamo contenti che stia facendo bene a Bologna. Hateboer sarà convocato domani, vedremo se sarà disponibile per giocare o meno. Ha bisogno di un po' di rodaggio, non ha giocato delle partite. Ieri abbiamo fatto una partita d'allenamento. È stato un infortunio osseo, non ha avuto problemi di ricaduta. Potrebbe essere disponibile, non so se a gara in corso o meno. La squadra sta bene, sotto questo aspetto non ci sono dubbi. È la terza partita in otto giorni, è una difficoltà in più da affrontare. I punti, adesso, valgono molto di più, la corsa si vede. La Lazio se recupera col Torino è ancora dentro, il resto è tutto da giocare. Penso che comunque sia un campionato entusiasmante. Lo dico perché matematicamente possiamo arrivare secondi. Se mi chiedevate ad inizio stagione vi avrei detto di no, fino a due o tre domeniche fa avrei parlato di Europa. Dobbiamo giocare per quello, se noi non sbagliamo è matematico. Ma non ho detto che sia semplice o meno, è una questione di classifica".

"Certi gol sbagliati li faceva anche un ragazzino"

Si è, infine, soffermato sulla situazione delle restrizioni e sulla testa dei suoi: "Speriamo che tutto il mondo possa ripartire, speriamo di non tornare indietro. Sotto il comportamento abbiamo sempre avuto giocatori eccezionali, non ho mai avuto problemi con chi non scendeva in campo. Semmai ho avuto problemi con chi giocava. Da qui a sei giornate ognuno può dare qualcosa, a volte basta un tempo. Adesso ci saranno gare decisive, può succedere qualsiasi cosa. Non è stato un problema di prestazione. Abbiamo sbagliato gol, cosa vi devo dire. Certi gol li faceva un ragazzino o un amatore, nel calcio non si può spiegare tutto. Dispiace, ma non è che possiamo andare alla ricerca di ogni giustificazione. Io devo guardare la prestazione è c'è stata. Ci sono anche gli avversari, sono state fatte parate di valore. Poi ci sono state occasioni clamorose, tra cui quella di Muriel. La partita ha avuto la svolta nell'espulsione, c'è anche l'avversario in campo. In questo momento i cartellini contano, è già successo con Lazio e Real. In dieci diventa un po' più difficile" ha concluso il tecnico.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti