Vigorito furioso in tv: "Mazzoleni vuole ammazzare il Sud"

Il presidente del Benevento inviperito: "Hanno visto tutti in Italia, tutti tranne lui. È una vergogna!"
Vigorito furioso in tv: "Mazzoleni vuole ammazzare il Sud"

BENEVENTO - Ai microfoni di Sky Sport si è presentato un Oreste Vigorito letteralmente imbufalito dopo il ko del suo Benevento con il Cagliari. Nel mirino il Var Mazzoleni per il rigore prima concesso e poi tolto da Doveri dopo la review: "Io credo che con i mezzi a disposizione il calcio possa fare a meno di fare filosofia e discutere di massimi sistemi e teoremi e debba fermarsi a guadare le immagini: le immagini dicono quello che ha visto tutta Italia, tutti tranne il signor Mazzoleni. Dopo 15 anni io non ho mai parlato di un arbitro. Ora però voglio parlare e dire qualcosa che forse mi farà andare via un po' prima della fine di questo campionato. Mi sono arrivati messaggi da Napoli, mi hanno scritto che quando si vuole ammazzare una squadra del Sud si mette Mazzoleni al Var. È una nuova carica alla quale evidentemente tiene molto".

Benevento-Cagliari, la fotosequenza del contatto tra Asamoah e Viola
Guarda la gallery
Benevento-Cagliari, la fotosequenza del contatto tra Asamoah e Viola

"Questi signori devono sparire dal calcio"

Vigorito è un fiume in piena: "Qui non è un problema di sbagliare valutazione ma non di non saper guardare la televisione. Se non sanno guardare nemmeno la tv, allora possiamo togliere il Var che è diventata un'altra giustificazione per le loro cazzate. E noi ci rimettiamo tutto, un anno di sacrifici sotto la pioggia, il vento e la neve perché il signor Mazzoleni col culo su una sedia non sa nemmeno guardare una televisione. Se non l'ha sentito in campo, glielo dico io adesso: io sono il presidente Vigorito, non uno qualsiasi. In 15 anni non ho mai detto un cazzo. Questi signori devono sparire dal calcio perché sennò se lo fanno da soli, senza di noi".

Lykogiannis show, Pavoletti e Joao Pedro: festa Cagliari! 3-1 al Benevento
Guarda la gallery
Lykogiannis show, Pavoletti e Joao Pedro: festa Cagliari! 3-1 al Benevento

"Non è uno sfogo, parlo di errori gravi e inaccettabili"

"Sfogo? Non è uno sfogo. Io vado dal prete quando mi devo sfogare. Voi invece di parlare di coppe dei campioni, dovreste far vedere le immagini dei fuorigioco non fischiati, le immagini dei Var che non vedono, quello io vorrei vedere e non stare qui a sentire per venti minuti cose che riguardano gli altri e mai il Benevento calcio. Non voglio che si facciano commenti sulle mie parole, non è uno sfogo. Io parlo di errori gravi, inaccettabili. Sa che cosa ha detto l'arbitro a Viola? Che il tocco era leggero. Forse era più pesante quello di domenica di Osimhen? Non le pare strano che dopo sette giorni un tocco sia diventato leggero? La storia della pressione dei tocchi leggeri o pesanti sono fatti solo per giustificare le scelte di questi arbitri. Noi non stiamo a raccogliere i coglioni, i falli sono falli! Qualche altra volta al Benevento è capitato di chiedere perché non si sia andato a vedere il Var. Sa cosa gli è stato risposto? Perché non lo hanno chiamato. Non scherziamo, il Var per caso ha anche modo di capire l'entità di un tocco? Sarebbe l'unica spiegazione accettabile".

"Ancora un omicidio di Mazzoleni. Mi prendo la responsabilità di quello che ho detto"

Vigorito poi rincara la dose: "Mazzoleni ha fatto un altro omicidio anche oggi. Mi prendo la responsabilità di tutto quello che ho detto. Sono settant'anni che mi assumo responsabilità, cosa che non fanno gli altri. Sono venuto in tv a dire quello che pensavo davanti a milioni di spettatori, al contrario degli altri che gridano fuori dai cancelli o nei palazzi oscuri. E' una vergogna! Adesso mi mandassero dove vogliono, tanto non è nemmeno detto che io rimarrò nel calcio. Io non credo nella sfortuna, il Benevento è colpevole di aver dilapidato tanti punti ma siamo innocenti davanti alle colpe degli altri. Io non sono colpevole della gente che guarda il Var e lo interpreta in modo diverso domenica dopo domenica. La mia è una ferma condanna nei confronti di uno strumento che doveva aiutare gli arbitri e invece è diventato un ulteriore strumento di valutazione degli arbitri per giustificare certe scelte folli".

"Ma c'è solo Mazzoleni da mandare quando si gioca al Sud?"

"E' una vergogna inviare dopo sette giorni lo stesso arbitro in una partita a fare le stesse cose folli che ha fatto sette giorni prima. Ce n'era qualcun altro o c'è solo Mazzoleni in Italia quando si gioca al Sud? E' questo il vero problema. Il Benevento evidentemente rompe i coglioni a qualcuno. Non chiamatelo sfogo ma una denuncia precisa. Chi si sente offeso mi querelasse, tanto uno in più o uno in meno non fa differenza ormai" ha concluso il presidente del Benevento.

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti