Corriere dello Sport

Inter

Vedi Tutte
Inter

Inter, Icardi ma quale Pipita: obiettivo 36 gol!

Inter, Icardi ma quale Pipita: obiettivo 36 gol!
© Getty Images

Il muro dei 40 è un obiettivo concreto. Continuando con questa media può superare il record di Higuain (36)

Sullo stesso argomento

di Andrea Ramazzotti

martedì 5 dicembre 2017 09:57

MILANO - Se continua ad andare a questo ritmo, può pensare all’impresa... impossibile, quella di superare Higuain. Non nelle preferenze del ct Sampaoli, che ormai da settembre quando deve fare le sue convocazioni lo preferisce sempre al Pipita, ma nei libri della storia del calcio italiano. Perché Mauro Icardi, da domenica primo in vetta alla classifica dei cannonieri, vede lontano un traguardo che lo farebbe entrare nella leggenda e che, se continuerà a segnare con questa continuità, potrebbe non essere un miraggio: il record di reti in un campionato stabilito proprio dal connazionale argentino due stagioni fa quando ancora indossava la maglia del Napoli.

Ultime notizie Inter - Classifica Serie A

OBIETTIVO 36 - Il fuoriclasse dell’Inter per il momento è avanti come media rispetto all’Higuain versione 2015-16. Perché nella sua ultima esperienza in azzurro, dopo 15 giornate, il Pipita era a quota 14 centri, dunque 2 in meno rispetto a Maurito. Il passo tenuto finora, se proiettato sui 38 turni dell’intero campionato (sempre ammesso che il bomber di Rosario le giochi effettivamente tutte), lo porterebbe a superare 40 gol e lo farebbe diventare un autorevolissimo pretendente anche alla Scarpa d’Oro oltre a garantirgli il trono dei marcatori della Serie A. A Icardi interessano i risultati di squadra, tiene tremendamente a giocare per la prima volta in carriera la Champions e vuole essere ricordato come il capitano che dopo 6 stagioni di astinenza ha riportato l’Inter nella coppa più prestigiosa, ma è anche ambizioso e lo stuzzica l’idea di mettere il secondo titolo dei marcatori in bacheca. Riuscirci stabilendo anche il record assoluto di reti nella storia del calcio italiano sarebbe poi un qualcosa di davvero incredibile.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Articoli correlati

Commenti