Inter
0

Moratti: "La Juve si comportava come si comportava, ma per l'Inter poi arrivò il triplete.."

L'ex presidente dei nerazzurri dichiara: "Lottavamo contro un muro che sembrava incrollabile. Baggio interista doc, ma Recoba è stato il più amato. Eriksen? Certi giocatori ti fanno vincere da soli"

Moratti:
© Inter via Getty Images

MILANO - Sono passati 25 anni da quando Massimo Moratti rilevava l'Inter da Ernesto Pellegrini e dava inizio alla seconda era Moratti alla guida dei nerazzurri. Intervistato da Telelombardia, l'ex-patron nerazzurro ha ricordato tanti momenti vissuti alla presidenza dell'Inter: dal momento dell'acquisto ai suoi successi con il triplete in primo piano arrivando anche a commentare l'attuale stagione dei nerazzurri allenati da Conte. Si parte dall'inizio della sua avventura come presidente dell'Inter: "Di quei giorni ricordo oggi la cortesia di Pellegrini che prima della partita col Brescia mi portò negli spogliatoi e mi presentò alla squadra, con i volti un po' straniti e sorpresi dei giocatori di fronte a un cambiamento così importante. La cosa bella è che poi vincemmo e fu un bel esordio per tutti". Se gli si chiede cosa è servito per arrivare a vincere tutto, Moratti risponde: "Fu tutto utile per arrivare a quel punto, tutto è servito per creare le condizioni per trionfare, anche le disavventure dovute al fatto di dover fronteggiare una Juve che si comportava come si comportava e lottare contro un muro che sembrava incrollabile. Poi riuscimmo a sfondarlo e trovare così quelle soddisfazioni in cui avevo sempre creduto ma che a un certo punto parevano impossibili".

"Baggio, interista doc. Recoba e Ronaldo indimenticabili"

Si continua poi parlando dei singoli e Moratti ne ricorda alcuni che hanno lasciato ottimi ricordi tra i tifosi nerazzurri: Recoba il più amato. Il Fenomeno rimane ovviamente indimenticabile, il più forte di tutti, quello che ci fece conoscere veramente in ogni parte del mondo. Ma anche Baggio, interista doc, è stato un grandissimo. Ricordo la sua classe, la sua eleganza, la sua disponibilità. Indimenticabile le partite contro il Real in Champions e lo spareggio europeo a Verona contro il Parma". Il rimpianto di Moratti? Si chiama Andrea Pirlo: "Pirlo è di certo il mio rimpianto. Io lo volli e lo presi perché avevo capito quanto fosse forte: peccato che nessun allenatore seppe trovargli una posizione in campo e farlo giocare e così fui costretto a venderlo vedendo la tristezza sul suo volto". Sull'Inter attuale, invece, Moratti la pensa così: "La sconfitta con la Lazio può essere una lezione per ripartire. La squadra c'è e soprattutto c'è l'allenatore. Eriksen? A giocatori così devi creare il tipo di gioco più appropriato e a quel punto sono loro che ti fanno vincere. Farlo a metà stagione non è facile, ma..."

Tutte le notizie di Inter

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Squadra PT Squadra PT
Juve 63 Sassuolo 32
Lazio 62 Cagliari 32
Inter 54 Fiorentina 30
Atalanta 48 Udinese 28
Roma 45 Torino 27
Napoli 39 Sampdoria 26
Milan 36 Genoa 25
Verona 35 Lecce 25
Parma 35 Spal 18
Bologna 34 Brescia 16
SERIE A - 26° GIORNATA
SABATO 29 FEBBRAIO 2020
Lazio - Bologna 2 - 0
Napoli - Torino 2 - 1
DOMENICA 01 MARZO 2020
Lecce - Atalanta 2 - 7
Cagliari - Roma 3 - 4
DOMENICA 08 MARZO 2020
Parma - Spal 0 - 1
Milan - Genoa 1 - 2
Sampdoria - Verona 2 - 1
Udinese - Fiorentina 0 - 0
Juve - Inter 2 - 0
LUNEDÌ 09 MARZO 2020
Sassuolo - Brescia 3 - 0

Calciomercato in Diretta