Inter, Hakimi e lo scherzetto... Real

Il marocchino, che domani compirà 22 anni, vuole farsi rimpiangere dalla sua ex squadra che la scorsa estate lo ha ceduto a Zhang per 40 milioni più 5 di bonus. Deve riscattare i gol sbagliati in campionato: Valdebebas è casa sua, ma l'emozione non lo tradirà.
Inter, Hakimi e lo scherzetto... Real© Inter via Getty Images
Andrea Ramazzotti
TagsHakimiInterReal

MILANO - Facile immaginare che il più emozionato di tutti sarà lui, Achraf Hakimi. I campi di Valdebebas, il centro sportivo del Real Madrid, li conosce alla perfezione perché sono stati casa sua per tanti anni visto che il marocchino è crescito nelle giovanili delle merengues. Acquistato nel 2006, è arrivato a indossare la maglia della formazione B nel 2016, ma grazie a Zidane ha avuto in fretta una possibilità di farsi notare pure tra i grandi: nell'ottobre 2017 la prima convocazione e i complimenti ricevuti da Zizou. Al termine di quella stagione le presenze diventeranno 9 con 2 gol nella Liga più altre due gare giocare in Champions, coppa alzata al cielo a Kiev contro il Liverpool. Il prestito biennale al Borussia Dortmund (2018-20) con la definitiva esplosione e l'acquisto da parte dell'Inter a fine di giugno (40 milioni più 5 di bonus) sono le ultime due tappe di una carriera che per Hakimi sarà lunga.

Inter, Lautaro guida i compagni in vista del Real Madrid
Guarda la gallery
Inter, Lautaro guida i compagni in vista del Real Madrid

Buon compleanno

Domani Achraf compirà 22 anni e ci terrebbe tanto a farsi un regalo anticipato. Al Real è rimasto legato perché quella è stata casa sua per anni e perché con quella maglia ha vinto la Champions. Il modo in cui è stato venduto, però, non gli è piaciuto perché dopo i due anni al Borussia Dortmund aveva dimostrato di poter essere titolare anche al Bernabeu e invece Perez e Zidane hanno preferito tenersi Carvajal (stasera assente per infortunio) e monetizzare la cessione del marocchino. Inevitabile per il numero 2 nerazzurro avere un desiderio di "vendetta sportiva". Sul fatto che sarà titolare nessun dubbio: per Conte è un elemento insostituibile anche se il tecnico spera che trovi una maggiore freddezza sottoporta visto che i gol sbagliati nel derby e contro il Parma sono costati punti nella rincorsa al primo posto in classifica. Stasera, però, il palcoscenico è quello della Champions, la competizione dove poco meno di un anno fa (5 novembre 2019) Hakimi giustiziava l'Inter con il suo Borussia Dortmund: doppietta e sorpasso in classifica. A 12 mesi di distanza ha la possibilità di farsi perdonare dai suoi nuovi tifosi e di farsi rimpiangere da suoi ex fans e soprattutto da chi lo ha ceduto per far cassa.

"Conte lancia Perisic al fianco di Lautaro". Le ultime su Real Madrid-Inter
Guarda il video
"Conte lancia Perisic al fianco di Lautaro". Le ultime su Real Madrid-Inter

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti