Inter-Conte, è il momento più difficile

La sconfitta contro il Real Madrid ha sancito la quasi eliminazione dalla Champions e adesso ci sono due partite delicatissime contro Sassuolo e Borussia Mönchengladbach. La società ha totale fiducia nel tecnico, ma serve una svolta. Tanti i problemi da risolvere.
Inter-Conte, è il momento più difficile© Inter via Getty Images
Andrea Ramazzotti

INVIATO AD APPIANO - Il giorno dopo la sconfitta contro il Real che ha segnato la quasi eliminazione dalla Champions, l'Inter si è scoperta fragile e ora si interroga sul suo futuro. A due mesi dall'inizio della stagione, i problemi abbondano e i numeri condannano Conte e il suo gruppo. Appena 4 successi nelle prime 12 gare ufficiali, 10 volte su 12 con almeno un gol al passivo, in svantaggio in 6 occasioni su 12, ultimo posto nel girone di Champions, -5 dalla vetta in campionato: l'elenco dei dati che preoccupano è lungo. Difficile immaginare uno scenario simile la scorsa estate, quando è stata firmata la pace di Villa Bellini e Conte è rimasto sulla panchina nerazzurra. La squadra era reduce dal secondo posto in Serie A e dalla finale persa in Europa League. Pur senza fare follie sul mercato, c'era la volontà di rinforzarla (cosa effettivamente accaduta) e l'idea era quella di disputare un'annata importante. Una prospettiva, quest'ultima, ancora possibile, ma è innegabile che le premesse non sia buone e che un'inversione di tendenza serva in tempi brevissimi.

EURO-PROBLEMI - Se la Juventus per la settima stagione consecutiva si è qualificata per gli ottavi di Champions (l'ultima volta che non c'è riuscita c'era Conte in panchina...), l'Inter rischia di fallire per il terzo anno di fila questo obiettivo. Nel 2020-21 però esiste la concreta possibilità che possa fare anche peggio rispetto al 2018-19 (con Spalletti allenatore) e al 2019-20 perché in entrambe le occasioni finì terza centrando l'accesso all'Europa League. Adesso, dopo quattro giornate, è addirittura ultima nel girone con appena 2 punti conquistati. Nella sua storia il club di viale della Liberazione non era mai partito così male in Champions, mai non era riuscito a ottenere neppure un successo nei primi 4 match.

Champions, disastro Inter: Barella e Vidal spianano la strada al Real
Guarda la gallery
Champions, disastro Inter: Barella e Vidal spianano la strada al Real

SOLUZIONI - D'accordo, il Real è più forte e ha più qualità, ma l'Atalanta è sicuramente più debole del Liverpool eppure ha fatto un'impresa ad Anfield. Il problema è che l'Inter attuale ha smarrito le certezze che aveva accumulato ad agosto, quando aveva una difesa di ferro e una mentalità vincente. E pure i nuovi acquisti, da Eriksen, arrivato a gennaio ma già con le valigie in mano, ai rinforzi estivi (Hakimi, Vidal, Kolarov ecc), stanno facendo una fatica incredibile. Di fatto a fine novembre i nerazzurri sono già in bilico, con il rischio di aver... buttato una stagione.

180' DECISIVI - Sabato è in programma la trasferta di Reggio Emilia contro il Sassuolo, martedì quella di Champions a Mönchengladbach contro il Borussia. Cosa succederà se l'Inter dovesse perderle entrambe? La posizione di Conte sarebbe a rischio e si inizierebbe a parlare di esonero? Il nome di Allegri tornerà a circolare dopo la scorsa estate è stato a un passo? La società va avanti assicurando che da questa situazione è obbligatorio uscire tutti insieme e che allenatore pugliese non è a rischio, ma la sensazione è che i prossimi due incontri saranno importantissimi. Serve una reazione immediata. Serve che i problemi di gioco, di tenuta difensiva, di carattere e di approcci sbagliati spariscano. L'Inter deve tornare se stessa e Conte deve incidere come ha sempre fatto. Ora non succede più e ad Appiano i pensieri sono tanti.

Conte: "Abbiamo sentito troppo la gara"
Guarda il video
Conte: "Abbiamo sentito troppo la gara"

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti