Super Conte e lo scudetto "obbligatorio"

A Verona il tecnico ha centrato la settima vittoria di fila e da quando è arrivato ad Appiano Gentile, in campionato ha numeri pazzeschi. Resta secondo in classifica dietro il Milan, ma la crisi della favorita Juventus fa pensare che possa riportare l'Inter a festeggiare il tricolore. Soprattutto se dal mercato arriverà un aiuto.
Super Conte e lo scudetto "obbligatorio"© ANSA
Andrea Ramazzotti
TagsInterConteMilan

INVIATO A VERONA - Antonio Conte e l'Inter restano secondi, ma non si fermano. A Verona hanno centrato la settima vittoria consecutiva in campionato, impresa che al tecnico di Lecce sulla panchina nerazzurra non era mai riuscita (all'inizio della scorsa stagione si era fermato a 6), e, anche se i tre punti conquistati al Bentegodi non sono stati sufficienti per mettere la freccia sul Milan e concludere il 2020 al primo posto in campionato, il Natale dell'ex ct e dei tifosi nerazzurri sarà sereno. C'è la consapevolezza che il progetto stia finalmente per prendere quota dopo i discreti risultati comunque ottenuti nel 2019-20. Con la crisi della Juventus, principale favorita per lo scudetto, la convinzione è quella di mettersi alle spalle tutte le altre e tornare a festeggiare il tricolore a 11 anni dall'ultima volta. Soprattutto se dal mercato dovessero arrivare i due rinforzi che Antonio si aspetta e che chiederà alla società nel vertice post natalizio. Adesso, però, è tempo di sorridere perché, a dispetto dalla bruciante eliminazione dall'Europa di 2 settimane fa, Conte può essere soddisfatto per quello che i suoi hanno fatto finora in Serie A.

NUMERI SUPER - Da quanto ha firmato per la società di Zhang, Conte ha diretto 52 partite in Serie A vincendone 34 (ovvero il 65%) e perdendone appena 5 (meno del 10%). Viaggia alla stratosferica media di 2,21 punti a incontro. Numeri da scudetto. Restringendo il discorso alla sola stagione 2020-21, dopo 14 giornate la media punti è addirittura 2,36 grazie a 10 successi, 3 pari e 1 ko. D'accordo, il Milan ha fatto meglio, ma dopo la pausa per le nazionali di novembre, l'Inter ha avuto un passo eccezionale e ha recuperato terreno sul Diavolo. Probabilmente Antonio sperava di festeggiare il Natale al comando come gli era successo 12 mesi fa quando era a parimerito con la Juventus, ma il bilancio dei primi tre mesi di campionato è estremamente positivo. L'opposto di quello che è successo in Champions, con il quarto posto nel girone e l'addio sia alla massima competizione europea sia all'Europa League. La debacle oltre i confini nazionali, però, adesso sembra già lontana e l'Inter è concentrata solo sulla lotta scudetto che in questo turno infrasettimanale - è questa la convinzione ad Appiano Gentile e in viale della Liberazione - potrebbe aver emesso un primo parziale verdetto assai significativo: la Juventus non è più inavvicinabile e la fine del suo regno che dura da 9 anni non è mai stata così vicina.

OBBLIGATI NO, MA... - Se la Signora non avrà una ripresa lampo a inizio 2021 e non recupererà l'attuale svantaggio dalle milanesi (-10 dal Milan e -9 dall'Inter, pur con una gara in meno), la corsa tricolore potrebbe trasformarsi in un testa a testa tra Pioli e Conte. Il tecnico leccese non guarda il Milan perché ritiene che pensare alla classifica adesso sia prematuro. Ciò premesso, è convinto della forza della sua squadra e della bontà del lavoro fatto finora. Ritiene che il gruppo a sua disposizione abbia ottenuto risultati straordinari (almeno in Italia) e spera che possa continuare così fino a maggio, anche se dentro di sé è forte la convinzione che siano necessari degli innesti. Diciamo un centrocampista e un attaccante. Li chiederà alla dirigenza per capire se è possibile convincere la proprietà a investire alla riapertura del mercato. Intanto, però, Conte è stato di parola facendo fare al gruppo un ulteriore passo in avanti rispetto alla scorsa stagione sotto il profilo della convinzione e della personalità. L'Inter non gioca un bel calcio, ma ha vinto le ultime 7 partite con carattere, forza di volontà, fisicità e condizione atletica, oltre che con la qualità dei singoli. Non è certo la formazione che esprime la manovra più fluida e armoniosa, eppure trova tanti modi diversi per conquistare i tre punti. Dire che sia obbligata a vincere lo scudetto forse è troppo, ma guardando la concorrenza, con la Juventus in difficoltà, il Milan inferiore come profondità di organico (e ancora in corsa in Europa), la Roma e il Napoli altalenanti, ha ottime chances di mettersi tutti alle spalle. Non succede dall'anno del triplete e i tifosi iniziano a crederci.

EFFETTO DURACELL - A far sognare è anche l'abilità della squadra di crederci fino alla fine e di trovare la vittoria quando le altre calano. E' successo pure a Verona dove è arrivata la quinta vittoria in 7 trasferte in Serie A. Primo tempo di sofferenza, ripresa arrembante grazie ad Hakimi e Lautaro Martinez. Gli ultimi 9 gol segnati dai nerazzurri sono arrivati nei secondi 45' e più in generale 18 delle 34 reti (miglior attacco del campionato) sono state festeggiati nei 30' finali. Un segnale che l'Inter sa far male quando conta. E pazienza se non difende con la stessa attenzione del 2019-20 quando aveva avuto la miglior difesa della A. Conte, che a inizio stagione aveva chiesto un calcio più offensivo e una linea a tre più alta (troppe palle gol concesse agli avversari hanno portato a un ravvedimento), adesso ha abbassato il baricentro e la sua formazione è tornata ad avere le certezze del passato. Vince molto e vola. Sognare lo scudetto è tutto meno che impossibile.

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti