Bellugi: "Il covid con me è stato esagerato, come si fa a pensare sia tutto uno scherzo?"

L'ex difensore dell'Inter ha raccontato la sua esperienza a Tiki Taka: "Zanardi è diventato il mio idolo, lui è un’altra cosa rispetto a me. Ha passato delle cose pazzesche ed è riuscito a diventare un fenomeno"
Bellugi: "Il covid con me è stato esagerato, come si fa a pensare sia tutto uno scherzo?"

"Il covid con me è stato esagerato ma di morire non ci penso nemmeno". Sono le parole delll’ex difensore dell’Inter Mauro Bellugi al programma “Tiki Taka – La Repubblica del pallone”, il talk show sportivo condotto da Piero Chiambretti in onda in seconda serata su Italia 1. Bellugi, reduce dall'amputazione a entrambe le gambe, ha raccontato la sua esperienza in una lunga intervista.

Covid, il dramma di Bellugi: entrambe le gambe amputate

Sulla sua terribile operazione che ha portato all’amputazione delle gambe, dichiara: “Il covid con me è stato esagerato perché si è unito a una malattia del sangue che avevo già. All’improvviso mi sono ritrovato le gambe nere e l’unica soluzione era amputarle. Anche perché di morire non ci penso nemmeno: ho una moglie, una figlia e un sacco di amici. E ringrazio tutti gli amici che mi hanno chiamato, che mi hanno scritto un messaggio”.

Sul dottore che l’ha operato di fede interista, conferma: “Mi ha tagliato la gamba del gol al Borussia Mönchengladbach. Lo volevo denunciare (ride, ndr). È stato il mio unico gol, anche perché una volta i ruoli erano più fissi, ogni volta che salivo Suarez, Corso e Mazzola mi rimandavano subito indietro. Ai miei tempi dovevi marcare grandissimi attaccanti, non avevi tempo per pensare ad altro”.

Sulla frase secondo cui vorrebbe le protesi di Pistorius, rivela: “Era una battuta ma invidio quelle persone che hanno più carattere di me e non mollano mai. Li ammiro tantissimo, infatti il mio idolo è diventato Zanardi”.

Bellugi: "Non voglio mollare, andrò a trovare Marotta"

Sempre su Zanardi: “Sulla sfortuna posso essere d’accordo, ma sul fatto di essere un eroe, lui è un’altra cosa rispetto a me. Lui ha passato delle cose pazzesche ed è riuscito a diventare un fenomeno. Non so come abbia fatto, per ora Zanardi mi batte 3-0”.

Su Moratti che vuole sostenere tutte le spese mediche, afferma: “E’ vero. Perché Massimo Moratti mi ritiene uno di famiglia, conosco la moglie, suo figlio e quando giocavo all’Inter c’era suo papà Angelo che mi regalò anche una villa a Stintino dopo avermi fatto firmare il contratto”.

Su chi ancora nega l’esistenza del Covid-19, conclude: “Sono in ospedale in camera con un ragazzo che è stato 40 giorni intubato, un altro l’altro giorno salutava la moglie e la mamma perché stava morendo. Mi viene da piangere solo a ripensarci. Ho visto queste cose e c’è ancora chi dice che è uno scherzo. Ma come si fa a pensare a una cosa del genere?”.

Bellugi: "Quando Pelè disse a Corso..."
Guarda il video
Bellugi: "Quando Pelè disse a Corso..."

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti